Concessione stadio Barbera: è ancora notte fonda, il Palermo valuta altre opzioni :ilSicilia.it
Palermo

SCADENZA IL 29 LUGLIO

Concessione stadio Barbera: è ancora notte fonda, il Palermo valuta altre opzioni

di
5 Luglio 2020

Tre settimane: questo è il tempo che il Comune e il Palermo calcio hanno a disposizione per trovare l’accordo sulla convenzione per lo stadio Renzo Barbera.

Almeno a parole, l’Amministrazione capitanata da Leoluca Orlando, ci sta mettendo tutta la buona volontà per chiudere l’accordo. In un comunicato emesso nella giornata di ieri, il primo cittadino ha cercato, per l’ennesima volta, di rasserenare gli animi.

Non vi sono alternative di sorta perché la squadra di Palermo non può che giocare a Palermo – ha commentato il sindaco -. Nella stessa proposta è fatto esplicito riferimento alla possibilità di rimodulazione degli importi sulla base dell’effettiva possibilità di utilizzo, nonché del blocco, della sospensione e della riduzione delle attività conseguenti all’emergenza Covid-19“.

Orlando ha poi ribadito la possibilità di una sponsorizzazione da parte del comune alla società calcistica nata non più tardi dello scorso anno. Un appello che segue il videomessaggio fatto proprio dal primo cittadino qualche settimana fa. Ma l’ultima parola sul discorso convenzione spetterà al Consiglio Comunale, organo deputato alla questione.

LA VII COMMISSIONE: “CONVENZIONE STADIO NON ANCORA DEFINITA”

La rassicurazione del Sindaco Orlando manifestate nell’ambito dell’incontro di sabato scorso con i rappresentanti della consulta d’indirizzo della Asd Palermo verosimilmente, non hanno definito la questione della convenzione dello Stadio“.

Nella foto Rosario Arcoleo, Claudio Volante e Marcello Susinno

Questo è quanto riferiscono i consiglieri della settima commissione, capitanati da Rosario Arcoleo, Claudio Volante e Marcello Susinno. Nella giornata di lunedì i politici hanno incontrato allo stadio Renzo Barbera l’amministratore delegato Rinaldo Sagramola e il presidente Dario Mirri.

Per i consiglieri della Commissione che si occupa di contratti – si legge in una nota – “si assiste, dopo anni d’incertezze nell’ambito dei rapporti con la vecchia società di calcio, ad un momento di genuina rinascita e di rinnovamento. L’obiettivo dell’amministrazione comunque è quello di garantire l’utilizzo dello stadio alla nuova Società con l’intento che la stessa possa portare alto il livello calcistico in città ed evitare ulteriori umiliazioni calcistiche ad una tifoseria che merita rispetto“.

Durante l’incontro i componenti della Settima Commissione hanno ascoltato le osservazioni dei Dirigenti della società calcistica. Va tenuto presente che sarà il Consiglio Comunale ad essere chiamato, nei prossimi giorni, a votare l’atto di concessione per sei anni. Il tutto avverrà sulla scorta dei parametri stabiliti dalla Commissione Tecnica di Valutazione.

Pertanto – concludono i consiglieri – il tema principale dell’incontro è stata la possibilità di esaltare aspetti sociali, culturali e sportivi che potrebbero avere un importante impatto per la città e per l’indotto. Detti argomenti saranno ulteriormente approfonditi e valutati in successivi incontri istituzionali“.

TERMINE ULTIMO IL 29 LUGLIO

Intanto, la Lega Serie C ha  fissato per il 29 luglio la deadline per presentare la documentazione necessaria alla Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi. Nessuno poteva mai pensare che la concessione dell’impianto potesse diventare un problema, ma invece si sta trasformando in un caso.

Il problema continua a rimanere la cifra chiesta dal Comune, circa 350.000 euro. Un prezzo ritenuto troppo alto dal Palermo calcio. E così la società rosanero continua a fare pretattica, cercando campi alternativi dove giocare. Dopo Marsala ed Enna, è spuntata anche l’opzione Caltanissetta, fra quelle vagliate dalla società di viale del Fante.

I campi omologati per l’ex Lega Pro ci sarebbero anche in Sicilia, ma per ovvi motivi di ordine pubblico alcune opzioni sono da scartare ab origine (Catania e Trapani tanto per fare due nomi).

La sensazione, è che la partita sul Renzo Barbera si possa chiudere. Al momento le parti sono abbastanza distanti, ma il tempo e soprattutto il buon senso potrà far venire a più miti consigli tutti.

Una squadra che si chiama Palermo deve giocare a Palermo, punto e basta.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti