Concessioni suolo pubblico, Cna Catania: "Diniego rinnovi ennesima testimonianza di malapolitica e malaburocrazia" :ilSicilia.it
Catania

LA DICHIARAZIONE

Concessioni suolo pubblico, Cna Catania: “Diniego rinnovi ennesima testimonianza di malapolitica e malaburocrazia”

di
7 Maggio 2022

La pioggia di dinieghi emessi dal Comune di Catania in questi ultimi giorni rispetto alle richieste di rinnovo delle concessioni di suolo pubblico presentate dalle imprese commerciali è l’ennesima riprova del combinato disposto di malapolitica e malaburocrazia che sempre più attanaglia il tessuto imprenditoriale della nostra città.

La Direzione Attività produttive del Comune di Catania, con più comunicazioni inviate alle imprese di ristorazione che hanno realizzato negli anni passati dehors sui marciapiedi o sulla pubblica via, ha infatti recentemente avvisato che la concessione del suolo pubblico non verrà rinnovata in quanto detti dehors sarebbero privi di regolare titolo edilizio (ossia del permesso di costruire). Una ipotesi interpretativa del tutto lontana dalla legge.

Tali atti sono irrituali e illegittimi“, spiegano Floriana Franceschini e Andrea Milazzo, rispettivamente presidente e segretario di Cna Catania, “in quanto le strutture realizzate dalle imprese in realtà sono prive di quelle caratteristiche di ingombro e di “stabilità” che necessiterebbero del rilascio di un permesso di costruire. Peraltro, è stato lo stesso Comune di Catania a richiedere negli anni passati una Cila e non già un permesso di costruire per la messa in posa dei dehors. Siamo dunque davanti a un atteggiamento contraddittorio e incomprensibile, che arreca un danno secco agli imprenditori che già, per i ben noti fatti di cronaca, si trovano in una complessa situazione finanziaria. I provvedimenti emessi dal Comune violano poi il legittimo affidamento degli operatori del settore. Questi, infatti, hanno confidato nello svolgimento dell’attività anche sul suolo pubblico alle condizioni che lo stesso Comune aveva in precedenza dettato. Potremmo anche comprendere l’ansia di “fare cassa”, ma realmente ci sembra di assistere a una vera e propria abdicazione della politica di fronte a esigenze di diversa natura. L’auspicio della Cna è che il Comune di Catania desista immediatamente da tale atteggiamento, rinnovando l’occupazione del suolo pubblico alle medesime condizioni dei precedenti anni“.

Anche per quanto riguarda l’aspetto della subordinazione dei rinnovi alla regolarità tributaria, Cna esprime il proprio dissenso su quanto fatto dall’amministrazione comunale. Lo strano caso del protocollo d’intesa con una singola associazione di categoria che prevede una rateizzazione del dovuto da parte delle imprese in 48 mesi è “un accordo davvero al ribasso che ci ha stupiti e che rischia di vanificare i lavori della X Commissione consiliare“, concludono Franceschini e Milazzo, “all’interno della quale si discuteva attorno a ipotesi migliorative, come dichiarato pubblicamente dallo stesso presidente della Commissione. Visto che il Comune ha una sua autonomia impositiva, si dovrebbe prevedere una sospensione dell’entrata in vigore del nuovo regolamento e una maggiore rateizzazione. In moltissimi casi del genere, si giunge fino a 60 o addirittura a 72 mesi di rateizzazione e si parla di Agenzia delle Entrate e di enti di riscossione vari. Insomma, il Comune di Catania in questa vicenda si è posto alle aziende come un interlocutore più rigoroso ed esigente di chi ha come sua esclusiva mission riscuotere le tasse”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.