Concorsi alla Regione, Cobas Codir: "Sulle riserve si avviino le progressioni verticali" :ilSicilia.it

la nota

Concorsi alla Regione, Cobas Codir: “Sulle riserve si avviino le progressioni verticali”

di
20 Gennaio 2022

La normativa è chiara. Il COBAS/CODIR lo ripete da mesi. Non esiste più la possibilità di riservare, in sede di concorso, una percentuale di posti ai dipendenti interni all’ente. Le uniche due possibilità per consentire ai dipendenti di progredire in carriera sono: per il triennio 2020/2022 un concorso riservato agli interni nel

Dario Matranga

limite del 30% dei posti disponibili ai sensi dell’art. 22 comma 15 del d.lgs. 75/2017; la procedura comparativa ai sensi del riscritto art. 52 comma 1-bis del d.lgs. 165/2001“. Così in una nota il sindacato Cobas Codir in merito ai concorsi regionali.

Relativamente a quest’ultima ipotesi, il ministro competente Renato Brunetta, in sostanza, si è ricreduto rispetto alla riforma di 12 anni fa. (Era ora!) La platea dei dipendenti regionali è invecchiata senza avere in questi anni il giusto riconoscimento in termini di carriera e in termini economici. A distanza di dodici anni dalla “Brunetta 1” (la riforma che ebbe il demerito di perpetrare un vero e proprio abuso ai danni del personale, bloccando gli avanzamenti di carriera, introducendo fittizie riserve in concorsi mai espletati ma assumendo, di contro, personale

Marcello Minio

senza concorso in base al titolo di studio posseduto) si riapre la possibilità per i dipendenti regionali di far valere le proprie competenze e le skills acquisite nel tempo: con scatti di carriera e incrementi della retribuzione. Dopo anni di mortificazione delle professionalità interne chiediamo con forza, quindi, al Governo di sfruttare al massimo le opportunità offerte dalla vigente normativa applicando, in sede di revisione dei bandi di concorso, la seguente “road map”: applicare la riserva prevista dall’ art. 22 comma 15 del d.lgs. 75/2017 (cd. legge Madia); avviare, contemporaneamente, le procedure previste dall’art. 3 del Decreto Legge n. 80/2021 mediante l’immediata apertura delle trattative sul rinnovo contrattuale (CCRL 2019/2021) e inserire il nuovo ordinamento professionale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.