16 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.13
Catania

Dopo le dimissioni di Francesco Basile

Concorsi truccati: cinque candidati a rettore di Catania

19 Luglio 2019

Sono cinque le candidature presentate per la carica di rettore dell’Università di Catania per i prossimi sei anni: dal 2019 al 2025. Il voto è stato indetto dopo le dimissioni del rettore, Francesco Basile, interdetto dall’attività dal Gip assieme ad altri otto docenti nell’ambito dell’inchiesta ‘Università bandita’ della Procura su presunti concorsi ‘truccati’.

I candidati a rettore sono: Salvatore Barbagallo, 63 anni, ordinario di Idraulica agraria e sistemazioni idraulico-forestali del dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente; Vittorio Calabrese, 59 anni, ordinario di Biochimica clinica e Biologia molecolare clinica del dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche (Biometec); Agatino Cariola, 57 anni, ordinario di Diritto costituzionale nel dipartimento di Giurisprudenza; Francesco Priolo, 57 anni, ordinario di Fisica della Materia del dipartimento di Fisica e Astronomia; e Roberto Purrello, 63 anni, ordinario di Chimica nel dipartimento di Scienze chimiche.

La prima votazione è fissata per il 23 agosto, con seggi aperti dalle 9 alle 19. L’eventuale seconda votazione si terrà il 26 agosto, l’eventuale terza tre giorni dopo. Il rettore è eletto a maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto nelle prime tre votazioni. In caso di mancata elezione il 2 settembre si procederà con il turno di ballottaggio tra i due candidati che nella terza votazione abbiano riportato il maggior numero di voti.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.