Concorso agenti di Polizia: "Ferme le assunzioni degli idonei" :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

Lo dice il Segretario del COISP Sicilia Maurizio Senise

Concorso agenti di Polizia: “Ferme le assunzioni degli idonei”

di
1 Agosto 2019

Si continuano a registrare, nel solo anno in corso – afferma il Segretario del COISP Sicilia, Maurizio Senise – centinaia di aggressioni a uomini delle Forze dell’Ordine, divenute talvolta tragedie, come accaduto recentemente a Roma con l’uccisione del Sottufficiale dell’Arma del Carabinieri Mario Rega nell’esercizio delle sue funzioni.

Negli ultimi 20 anni, l’organico della Polizia di Stato, si è ridotto di oltre il 15% e la Sicilia segue lo stesso trend visto che, solo a Palermo mancano almeno 600 agenti.

“Ad oggi, – ribadisce il Segretario – due aliquote di personale prontamente disponibile, rispettivamente 61 e 161 militari, già risultati idonei alle selezioni per rivestire la qualifica di Agente della Polizia di Stato, non sono stati ancora assunti e quindi non assorbiti dalla graduatoria a scorrimento per un vizio di natura legislativa che, nello specifico, dovrà essere superato al più presto per non disperdere ulteriori risorse umane e tutelare il diritto all’assunzione di uomini e donne dalle forti motivazioni.

La carenza di personale, di mezzi e risorse, è tale da costringere i poliziotti a turni massacranti e sempre più spesso soggetti a stress lavoro-correlato. Ciò riguarda anche il personale inquadrato nei settori burocratici che spesso viene impiegato in servizi legati al controllo del territorio, tutto questo incide negativamente sul funzionamento dell’apparato amministrativo che si avvia verso il collasso.

Inoltre, la carenza di auto e divise – prosegue Senise – vede le prime in parte vetuste e spesso ricoverate per guasti senza alcuna sostituzione, e le seconde, usurate negli anni, senza la possibilità di sostituzione per l’endemica mancanza di taglie.

Non è più possibile – conclude Senise – attendere ancora oltre un reale potenziamento di tutto l’apparato Sicurezza in Sicilia come nel resto del Paese, al fine di adeguarne gli organici ed offrire ai Servitori dello Stato tutti gli strumenti necessari a garantire la propria l’incolumità e la stessa vita, quotidianamente sempre più esposta a rischi inaccettabili”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti