Concorso dirigenti, Spallitta (Verdi): "Nel bando manca dichiarazione sui procedimenti penali" :ilSicilia.it
Palermo

Serve un'integrazione al bando per 14 dirigenti

Concorso dirigenti, Spallitta (Verdi): “Nel bando manca dichiarazione sui procedimenti penali”

25 Ottobre 2017

PALERMO. Si riapre il “casus belli” sul bando pubblico per 14 dirigenti del comune di Palermo da assumere a tempo indeterminato. Questa volta ad intervenire è la portavoce cittadina dei verdi, Nadia Spallitta.

“Il nuovo bando del comune di Palermo, che prevede un concorso pubblico per l’assunzione di 14 dirigenti sostiene l’esponente dei verdi interviene, finalmente, dopo più di 5 anni di vuoto in pianta organica. Reputo però – aggiunge la Spallitta – che debba essere integrato con un requisito, che a mio avviso erroneamente manca nello stesso bando.

La Spallitta sottolinea che nell’avviso pubblico “non è richiesta la dichiarazione relativa ad eventuali procedimenti penali in corso, a carico del partecipante”.

“Una circostanza che, oltre ad essere in violazione dei principi che disciplinano la materia concorsuale, potrebbe portare all’aberrante conseguenza che al concorso possano partecipare e risultare vincitori, anche soggetti che abbiano, in questo momento, procedimenti penali gravi (ad esempio associazione a delinquere e corruzione) o relativi a reati contro la pubblica amministrazione”.

E quindi la Spallitta chiede che “l’amministrazione comunale provveda, in tempi rapidissimi, ad integrare il bando, richiedendo ai partecipanti, tra le dichiarazioni obbligatorie, quella relativa alla sussistenza o meno di procedimenti penali in corso”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona