Condannata e scarcerata la "ricercatrice libica" accusata di istigazione al terrorismo :ilSicilia.it
Palermo

Khadiga Shabbi condannata per terrorismo, tornerà all'Università di Palermo

Condannata e scarcerata la “ricercatrice libica” accusata di istigazione al terrorismo

di
3 Febbraio 2017

Il gup di Palermo Lorenzo Iannelli ha condannato, in abbreviato, a un anno e 8 mesi di reclusione Khadiga Shabbi, ricercatrice universitaria libica accusata di istigazione a commettere reati in materia di terrorismo. Il pm Geri Ferrara aveva chiesto 4 anni e 8 mesi. Il giudice ha dichiarato sospesa la pena e ha disposto la scarcerazione dell’imputata, in cella da un anno. Il gup ha riconosciuto l’aggravante della finalità terroristica e dell’uso del sistema informatico, mentre ha negato quella della transnazionalità.

“Ora che è stata scarcerata, la mia cliente riprenderà il suo lavoro all’università di Palermo visto che la sua borsa di studio, pagata dall’ambasciata libica, non è mai stata sospesa”. Lo dice l’avvocato Michele Andreano, difensore della ricercatrice libica. “Rispetto al quadro delineato dalla procura, che era devastante, – ha aggiunto – la vicenda è stata ridimensionata. Dire che siamo soddisfatti è improprio, visto che, per noi, doveva essere assolta con formula piena, ma in questa fase il nostro primo interesse era legato alla libertà personale e da questo punto di vista è andata bene”. L’avvocato, che ha annunciato che comunque ricorrerà in appello: “La mia cliente non ha commentato il verdetto, ma quando ha sentito che sarebbe stata scarcerata è scoppiata a piangere per la gioia“.

 

catturashabbi4L’inchiesta sulla Shabbi prende il via da alcune segnalazioni. La polizia comincia dal web mettendo in luce una intensa attività di propaganda svolta dalla ricercatrice in favore di una serie di organizzazioni terroristiche islamiche come Ansar Al Sharia Libya, tra le maggiori oppositrici del governo di Tobruk, e del suo leader Ben Hamid Wissam. La donna, interessatissima alle vicende politiche del suo Paese, visitava continuamente le pagine Facebook di diversi gruppi legati all’estremismo islamico, condivideva sul suo profilo materiale di propaganda della attività di organizzazioni terroristiche: volantini, “sermoni” di incitamento alla violenza e scene di guerra. Dall’inchiesta sono emersi anche contatti con foreign fighters che avevano combattuto in Libia ed erano poi tornati in Inghilterra e in Belgio.

La ricercatrice avrebbe anche tentato di fare avere un visto di studio al nipote, Abdulrazeq Fathi Al Shabbi, combattente ricercato dalle truppe dell’esercito regolare, vicino all’organizzazione Ansar al Sharia, formazione salafita collegata alla rete di jihadismo internazionale autrice, nel 2012, dell’attentato a Bengasi al Consolato americano. Il ragazzo, che la nipote definisce un martire, sarebbe morto in un conflitto a fuoco e in Italia non sarebbe mai giunto. In diverse intercettazioni la donna chiedeva vendetta per il nipote.

“Una ricercatrice libica, già arrestata, è stata condannata per istigazione a commettere reati in materia di terrorismo, quindi nel caso anche attentati nel nostro Paese – dice Alessandro Pagano, deputato della Lega dei Popoli-Noi con Salvini – E i giudici che fanno? La scarcerano. Invece di imbarcarla sul primo aereo con biglietto di sola andata, a tutela della nostra sicurezza nazionale, è stata lasciata libera di tornare a fare quello che faceva prima”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin