Condannato per furti e rapine a Trapani. In aula si era detto "dispiaciuto" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Trapani

Era stato arrestato nel dicembre 2015

Condannato per furti e rapine a Trapani. In aula si era detto “dispiaciuto”

di
24 Novembre 2016

Aveva seminato il panico in città. Furti, rapine, minacce e aggressioni snocciolate dinanzi al tribunale di Trapani che stamane lo ha condannato a 3 anni e nove mesi di carcere. Il pm aveva chiesto la condanna a sei anni. Si tratta di Marco Di Pietra, 20 enne originario del quartiere San Giuliano, autore di due rapine e cinque furti commessi tra l’agosto e il novembre 2015.

Sette i furti contestati: una rapina presso una tabaccheria; una rapina nei confronti di una persona a cui sono stati sottratti auto e telefono cellulare; tre furti ad altrettanti esercizi commerciali, un furto al seminario vescovile e una rapina ad un distributore di carburanti. Fino all’arresto del dicembre 2015 quando gli agenti della Squadra Mobile e dei carabinieri furono accerchiati da amici e familiari del giovane. Il processo, svolto all’interno dell’aula bunker di Trapani, ha lasciato trasparire momenti di frizione a partire dalle espressioni del giovane durante l’interrogatorio di una delle vittime di una rapina tanto da convincere il pm Andrea Tarondo a chiedere un immediato “pattugliamento” del quartiere ai carabinieri.

Durante il suo interrogatorio, in seguito all’audizione di un giovane vittima di un aggressione e del furto temporaneo della sua auto, l’imputato si è detto “dispiaciuto” per quanto era accaduto. Di Pietra lo scorso 8 settembre è rientrato in un ulteriore operazione dei militari dell’Arma su una banda specializzata nel “cavallo di ritorno”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin