Condividere “la città con i turisti", torna il laboratorio ComPà | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Condividere “la città con i turisti”, torna il laboratorio ComPà

4 Giugno 2018

Nuovo incontro del “Laboratorio cittadino” per condividere insieme “la città con i turisti”.
Un progetto di democrazia partecipata promossa da Città di Palermo Assessorato alla Partecipazione in partenariato con Panastudio.

Da sempre – si legge – il turismo è stato considerato un’industria che autoproduce economie e sviluppo di un territorio dalle quali osservare e rilanciare ciò che i nostri avi ci hanno lasciato. Oggi la relazione tra turismo e società è cambiata. Da un lato il turismo è diventato sempre più ordinario a alla portata di tutti: si viaggia con più frequenza e spesso nella modalità del “fai da te” permesso dalle molteplici informazioni-promozioni rilevate sul web. Dall’altro lato il vi è turismo tematico, Ovvero I turismi nei vari ambiti: culturale, religioso, del benessere, del culto, del cibo, del sole e del mare, della montagna e tanto altro. Il turista, nella maggior parte dei casi, cerca di coniugare una forma di svago e l’accrescimento del proprio sapere culturale, storico, artistico in una unica soluzione. Il desiderio di interazione tra turisti e città sembra aumentare: al di là delle mete cosiddette “scontate” il turista intende interagire con il luogo visitato anche addentrandosi per scoprire vecchi e nuovi quartieri per percepire e incontrare persone vere nel loro contesto.

Non solo musei e monumenti per i nostri turisti, ma appetibili occasioni per scoprire gli angoli nascosti della nostra città tra quartieri, borgate marinare, periferie, mercati storici, finanche il tribunale di giustizia mete attrattive proprio perché percepite come creative, vere e non contaminate. È in questo contesto che prende vita il laboratorio de “la città con i turisti” che inneggia, attraverso l’incontro, al turismo partecipativo, basato sulla strategia dell’interazione e delle relazioni sociali tra privati cittadini, imprese, associazioni del settore e Istituzioni coinvolte.

Il coinvolgimento dell’imprenditoria sociale nel turismo partecipativo sta aumentando con l’obiettivo di offrire opportunità di occupazione agli strati più deboli della popolazione, fornire forme di ospitalità più inclusive ed elaborare contro-discorsi sul turismo e sulle città.

Il laboratorio fornisce spunti, idee, studi e apre al dialogo tra i diversi “attori” per iniziative di turismo partecipativo per una città sempre più cosmopolita. All’incontro parteciperanno esperti del turismo della città, associazioni del settore e delle attività produttive, Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’Assessore alla Partecipazione Giuseppe Mattina, Il vice di Gabinetto Licia Romano e l’organizzatore Francesco Panasci

Cos’è ComPà?

“COM PA” COMunità e PArtecipazione è la campagna di comunicazione lanciata del Comune di Palermo per il progetto “laboratorio cittadino”. La città con le sue circoscrizioni e i cittadini condividono le strategie del fare per #Palermobenecomune.
L’incontro sarà moderato dal giornalista Francesco Panasci di Panastudio che è anche partner del progetto. Il dialogo partecipativo sarà trasmesso in “diretta streaming” sulla pagina di facebook: https://www.facebook.com/PALERMOBENECOMUNE/

Tag:

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona