20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.59

La nomina è avvenuta nel corso dell'Assemblea regionale

Confagricoltura: Pottino confermato presidente regionale

19 Febbraio 2018

Ettore Pottino è stato confermato alla presidenza della Confagricoltura siciliana. La nomina è avvenuta nel corso dell’Assemblea regionale dell’organizzazione convocata per procedere al rinnovo delle cariche sociali per il prossimo triennio. I vicepresidenti sono Rosario Marchese Ragona, presidente della sede provinciale di Agrigento e Giovanni Selvaggi, presidente della Confagricoltura di Catania.

Durante i lavori assembleari sono state elencate le principali emergenze del settore primario siciliano che vanno dall’emergenza idrica alla perdita di reddito delle principali produzioni regionali, dall’eccessiva burocrazia alla giungla normativa con disposizioni spesso in contrasto tra di loro. Contribuiscono negativamente anche “l’incidenza dei costi di produzione – spiegano da Confagricolturae il peso eccessivo degli oneri previdenziali, bancari ed assicurativi. Ci sono anche carenze infrastrutturali e della logistica, la mancanza di un piano unico a sostegno dell’export e di accordi di filiera e lo strapotere esercitato dalla G.D.O“.

Confagricoltura, inoltre, segnala “una pressochè totale assenza dei temi di interesse agricolo in questa campagna elettorale.
Eppure – ha precisato Pottinoparliamo di un settore che per la nostra Regione è di vitale importanza. Sono poco meno di 200 mila le aziende agricole isolane che con il loro fatturato contribuiscono alla formazione del 12 per cento del Pil regionale e assicurano mediamente 12 milioni di giornate lavorative all’anno”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.