Confapi Sicilia ancora premiata: "Giulia Giuffré di Irritec è la 'DonnAttiva' dell’anno" :ilSicilia.it

la nota di Dhebora Mirabelli

Confapi Sicilia ancora premiata: “Giulia Giuffré di Irritec è la ‘DonnAttiva’ dell’anno”

di
8 Luglio 2020

«Essere donna in Sicilia è ancora una dura sfida quotidiana se si sceglie di essere anche madre, imprenditrice e prendersi cura della collettività tutta. Questo, e molto altro è la nostra amatissima Giulia Giuffré, Sustainibility Ambassador e Direttore Marketing del Gruppo Irritec che ieri sera ha ritirato il suo premio per l’impegno che, giorno per giorno, profonde a vantaggio della collettività, offrendo un valido esempio di professionalità ed intraprendenza in un contesto in continuo divenire». Lo scrive il Presidente Confapi Sicilia, avv. Dhebora Mirabelli.

«Nella filiera dell’agroalimentare un’impresa su tre è guidata da una donna. Il 70% circa degli occupati del settore è donna. Sono numeri evidenti, che devono essere considerati uno stimolo, non un traguardo – afferma Giulia Giuffrè – In Irritec, da oltre 40 anni lavoriamo per semplificare la vita di chi cura le piante, per lavoro e per passione. È la nostra mission ed è per questo che ci impegniamo ogni giorno per migliorare la vita delle donne che “scendono in campo”, anche nei paesi rurali in via di sviluppo, come l’Africa, dove le donne rappresentano il 60% della manodopera dedicata all’agricoltura e un semplice sistema d’irrigazione può fare la differenza evitando loro di dover percorrere lunghi tragitti per il trasporto dell’acqua, il cui peso grava sulle loro spalle, esponendole così a rischi per la propria salute e incolumità e togliendo tempo da dedicare alle loro famiglie».

Il premio ideato e promosso dall’Associazione DonnAttiva è solo l’inizio di un segnale e una testimonianza di valore. L’Associazione, infatti, presto pubblicherà un libro con tutte le esperienze di successo dei suoi associati perché condividere il valore è il segreto della sua generatività.

«Con le giuste opportunità, ogni donna può emergere anche in settori definiti “non tipicamente femminili” – prosegue la direttrice marketing del gruppo Irritec -. Sarebbe giusto mettere in discussione costumi oramai superati e affrontare dei tabù che nel corso degli anni hanno tolto tante occasioni a moltissime donne in tutto il mondo. Da donna e da madre, mi rendo conto che il contesto in cui si opera può fare la differenza. Per questo in Irritec diamo una grande rilevanza all’argomento, impegnandoci quotidianamente nell’assicurare egualità di trattamento e mettendo tutti, non solo le donne, in condizione di potersi esprimere al meglio. Un impegno sancito dalla nostra adesione al programma Global Compact delle Nazioni Unite che con l’SDG 5 dell’Agenda 2030 considera prioritario il tema della parità di genere in quanto diritto umano fondamentale e presupposto necessario per un mondo pacifico, sostenibile e prospero. In ogni caso – conclude – ci saranno tante energie da spendere ma noi donne siamo naturalmente predisposte al sacrificio per poter dare alla luce le cose più belle del mondo».

Dhebora Mirabelli
Dhebora Mirabelli

Da Presidente Confapi Sicilia e da donna sono stata felicissima di apprendere ieri di questa notizia e subito ci siamo sentite con Giulia per festeggiare insieme: io da Roma, dove mi trovo per il Consiglio Direttivo Confapi Nazionale in mezzo a tutti I miei colleghi uomini e lei da Capo d’Orlando (Messina), dove ogni giorno lotta per sconfiggere stereotipi di genere e innovare processi culturali, gestionali e comunicativi. Non abbiamo avuto bisogno di dirci nulla su quanto è dura e difficile essere donne impegnate in Sicilia e in Italia oggi, perché a noi ci piace parlare di quanto è bello farlo e di come non potremmo fare altrimenti perché siamo state educate così: guerriere determinate con il sorriso, perché il senso del dovere verso noi stesse e gli altri è anche il nostro senso del piacere. Congratulazioni anche Giulia, sei anche il nostro orgoglio” – conclude il Presidente Confapi Sicilia, Dhebora Mirabelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.