Confapi Sicilia: "Guardiamo al modello ungherese per sostenere turismo e ristorazione" :ilSicilia.it

il suggerimento

Confapi Sicilia: “Guardiamo al modello ungherese per sostenere turismo e ristorazione”

di
2 Marzo 2021

Albergatori, agriturismi e ristoranti al collasso in Sicilia come nel resto del mondo. Il governo regionale valuti rimborsi che portino almeno all’esenzione di due terzi dell’imposta sui salari per le imprese del settore. La riduzione del cuneo fiscale in vigore da luglio 2020 non è stata sufficiente, così come i ristori ad oggi erogati, a colmare le gravi perdite sostenute da questi imprenditori”.

Lo dice Dhebora Mirabelli, presidente Confapi Sicilia.

Il suggerimento di ispirarsi all’Ungheria arriva dal nostro ambasciatore per l’internazionalizzazione – Maurizio Sauli, già Presidente della Camera di Commercio Italia-Ungheria. Egli, comunica in una nota inviata questa mattina: “Il sostegno salariale che il governo ungherese offre ai lavoratori nei settori del turismo e della ristorazione è stato prorogato fino a marzo. L’annuncio è stato contestuale alla comunicazione della decisione di estendere le restrizioni pandemiche, che includono un coprifuoco serale e il divieto di cenare nei ristoranti fino al 15 marzo” – continua, “Qui il governo si è offerto di coprire più della metà dei salari lordi delle imprese che sono state colpite più duramente dalla pandemia in quanto ha rafforzato le restrizioni e introdotto un coprifuoco a partire da novembre. Il Governo ha esentato tali imprese dall’imposta sui salari, sovvenzionando effettivamente i due terzi dei costi del personale.”

Più di 16.000 aziende ungheresi hanno richiesto oltre 41 miliardi di HUF, pari a circa 112 milioni di euro, del sostegno salariale per circa 115.000 dipendenti. Ad oggi circa il 95% di queste domande è stato accettato e il 99% delle sovvenzioni, circa 39 miliardi di HUF, pari a 107 milioni di euro, è stato concesso.

Confapi Sicilia facendosi portavoce delle istanze del comparto che pervengono sempre più numerose e preoccupate per future chiusure definitive, invita ad una risposta immediata e sostenibile. “Nessuna valutazione di merito, nessun adempimento e appesantimento burocratico. In questo caso non perdono solo gli imprenditori ma l’attrattività che da sempre ha contraddistinto la nostra isola: cultura e buon cibo sono un nostro patrimonio ineguagliabile, meritano più rispetto e attenzione con soluzioni chiare e immediate. Ne beneficerà l’intero indotto”, conclude all’unanimità la Giunta di Confapi Sicilia, riunitasi la scorsa settimana per ascoltare ristoratori della Province di Ragusa, Siracusa e Catania.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.