Confapi Sicilia: "Guardiamo al modello ungherese per sostenere turismo e ristorazione" :ilSicilia.it

il suggerimento

Confapi Sicilia: “Guardiamo al modello ungherese per sostenere turismo e ristorazione”

di
2 Marzo 2021

Albergatori, agriturismi e ristoranti al collasso in Sicilia come nel resto del mondo. Il governo regionale valuti rimborsi che portino almeno all’esenzione di due terzi dell’imposta sui salari per le imprese del settore. La riduzione del cuneo fiscale in vigore da luglio 2020 non è stata sufficiente, così come i ristori ad oggi erogati, a colmare le gravi perdite sostenute da questi imprenditori”.

Lo dice Dhebora Mirabelli, presidente Confapi Sicilia.

Il suggerimento di ispirarsi all’Ungheria arriva dal nostro ambasciatore per l’internazionalizzazione – Maurizio Sauli, già Presidente della Camera di Commercio Italia-Ungheria. Egli, comunica in una nota inviata questa mattina: “Il sostegno salariale che il governo ungherese offre ai lavoratori nei settori del turismo e della ristorazione è stato prorogato fino a marzo. L’annuncio è stato contestuale alla comunicazione della decisione di estendere le restrizioni pandemiche, che includono un coprifuoco serale e il divieto di cenare nei ristoranti fino al 15 marzo” – continua, “Qui il governo si è offerto di coprire più della metà dei salari lordi delle imprese che sono state colpite più duramente dalla pandemia in quanto ha rafforzato le restrizioni e introdotto un coprifuoco a partire da novembre. Il Governo ha esentato tali imprese dall’imposta sui salari, sovvenzionando effettivamente i due terzi dei costi del personale.”

Più di 16.000 aziende ungheresi hanno richiesto oltre 41 miliardi di HUF, pari a circa 112 milioni di euro, del sostegno salariale per circa 115.000 dipendenti. Ad oggi circa il 95% di queste domande è stato accettato e il 99% delle sovvenzioni, circa 39 miliardi di HUF, pari a 107 milioni di euro, è stato concesso.

Confapi Sicilia facendosi portavoce delle istanze del comparto che pervengono sempre più numerose e preoccupate per future chiusure definitive, invita ad una risposta immediata e sostenibile. “Nessuna valutazione di merito, nessun adempimento e appesantimento burocratico. In questo caso non perdono solo gli imprenditori ma l’attrattività che da sempre ha contraddistinto la nostra isola: cultura e buon cibo sono un nostro patrimonio ineguagliabile, meritano più rispetto e attenzione con soluzioni chiare e immediate. Ne beneficerà l’intero indotto”, conclude all’unanimità la Giunta di Confapi Sicilia, riunitasi la scorsa settimana per ascoltare ristoratori della Province di Ragusa, Siracusa e Catania.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin