Confcommercio contro Orlando: "Troppi cantieri infiniti a Palermo, assenza di comunicazione del Comune" :ilSicilia.it
Palermo

PATRIZIA DI DIO SCRIVE AL SINDACO

Confcommercio contro Orlando: “Troppi cantieri infiniti a Palermo, assenza di comunicazione del Comune”

di
24 Settembre 2019

“Chiediamo doverose garanzie e impegni rispetto alla comunicazione del crono-programma dei lavori e alle modalità di svolgimento dei cantieri cittadini per dare alle aziende l’opportunità di programmare la loro attività, limitando il più possibile i rischi d’impresa considerato l’impatto dirompente che questi lavori hanno avuto e avranno sulle aziende situate in prossimità e in corrispondenza dei cantieri”.

Si chiude così una lettera, inviata al sindaco di Palermo Leoluca Orlando e per conoscenza al prefetto di Palermo Antonella De Miro, dalla presidente di Confcommercio Palermo Patrizia Di Dio: nella lettera si preannuncia la tempestiva convocazione di un’assemblea alla quale si invitano il sindaco, l’amministrazione comunale e tutti i soggetti competenti per illustrare in modo dettagliato lo stato dell’arte e le prospettive future, “nell’ottica di una rinnovata collaborazione”.

La lettera prende spunto dai nuovi lavori per l’Anello ferroviario, dei quali si è avuta notizia solo dalla stampa, che prenderanno il via il primo ottobre a ridosso della centralissima Piazza Ruggiero Settimo. 

Patrizia Di Dio
Patrizia Di Dio

“Aree ulteriori – scrive Patrizia Di Dio – che si sommano a quelle già da troppi anni interessate da lavori in corso, talmente in ritardo rispetto ai tempi di consegna da essere ormai ribattezzate “fine lavori mai“. Neanche adesso, in realtà, sappiamo quando potranno essere restituite alla pubblica fruizione, nonostante le nostre numerose formali richieste di informazioni. Abbiamo sperato, finora invano, in un coinvolgimento delle associazioni di categoria che permettesse di tenere conto dei legittimi interessi dei nostri associati e di tutto il tessuto imprenditoriale cittadino”.

Confcommercio Palermo ritiene dunque fondamentale la comunicazione e la programmazione per consentire adeguate misure indispensabili alla sopravvivenza aziendale quali, ad esempio, eventuali chiusure temporanee, riduzioni di ordini di merce, o l’eventuale riduzione del personale dipendente causato da una drastica contrazione delle vendite.

“Decine e decine di aziende palesemente danneggiate dai lavori, sono state già costrette a chiudere – è la drammatica denuncia di Confcommercio – e altrettante stanno cercando di resistere, sebbene in assenza di comunicazioni preventive e di un minimo di concertazione. Questa assenza di dialogo la riteniamo irrispettosa verso il cuore pulsante dell’economia cittadina, ovvero quelle aziende, spesso a conduzione familiare, che tutt’a un tratto si ritrovano abbandonate al loro destino”.

In serata anche l’affondo del presidente di Sicindustria Palermo, Alessandro Albanese: “Palermo è una corsa a ostacoli. Imprese e cittadini sono ormai ostaggio di una scacchiera di cantieri stradali che – tra vecchi e nuovi – paralizzano la circolazione, le attività, la logistica, la vita delle imprese. Chiudere una strada, invertire un senso di marcia, transennare un’area, tutti questi sono provvedimenti necessari, nulla quaestio”.

Alessandro Albanese
Alessandro Albanese

“Il problema è che manca la concertazione con le forze produttive, che di questo caos pagano il prezzo più alto. Ogni giorno raccogliamo le segnalazioni e le lamentele delle nostre imprese, non ultime quelle che si occupano di logistica e trasporti”. Il presidente degli industriali sostiene le posizioni di Confcommercio.

Secondo Albanese, “Le imprese sono uno degli attori principali dello sviluppo di questa città, sarebbe auspicabile comunicare in anticipo l’apertura di un cantiere, condividere la programmazione dei lavori. Solo così potremo veramente parlare di crescita”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.