Confcommercio Palermo, nominati 2 vicepresidenti: Alessandro Dagnino e Fabio Gioia :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Confcommercio Palermo, nominati 2 vicepresidenti: Alessandro Dagnino e Fabio Gioia

di
16 Giugno 2021

Alessandro Dagnino e Fabio Gioia sono i due nuovi vice presidenti di Confcommercio Palermo. La nomina è stata approvata all’unanimità dalla Giunta provinciale su proposta della presidente Patrizia Di Dio.

“Ho ringraziato i due colleghi di giunta – spiega Di Dio – per l’entusiasmo con cui hanno accettato di mettersi al servizio della nostra Federazione e di assumersi un supplemento di responsabilità e di impegno in un momento delicato per la città”.

Alessandro Dagnino, avvocato tributarista e docente di diritto tributario nell’Università dell’Aquila, è presidente di Confcommercio Professioni Palermo, coordinatore del Centro Studi, e componente del Consiglio Nazionale di Confcommercio Professioni. Per lui è il secondo mandato da vicepresidente di Confcommercio Palermo.

“Ringrazio la Presidente Patrizia Di Dio e tutti i componenti della Giunta per la rinnovata fiducia – dice Dagnino -. Svolgerò il mio ruolo con spirito di servizio e di collaborazione, con l’obiettivo di contribuire affinché il nostro territorio favorisca la crescita delle imprese, unico vero motore di sviluppo sociale”.

Fabio Gioia, da sempre legato al mondo dello sport, è componente del Consiglio Nazionale dell’A.S.C. Confcommercio (Ente di promozione sportiva) di cui, da 10 anni, è presidente del comitato regionale. Da cinque anni è componente della giunta di Confcommercio Palermo.

“Il nostro nuovo quinquennio di lavoro coincide con un momento importante per la città – commenta Gioia – e il ruolo di Confcommercio continuerà ad essere incisivo in termini di proposizione e progettualità, auspicando anche una maggiore disponibilità al dialogo da parte delle Istituzioni. La nostra è una squadra unita e sarà un onore poterla rappresentare con un supplemento di responsabilità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin