Confcooperative, decreti ADI: "Garantire ampia concorrenza dell'imprenditoria locale" :ilSicilia.it

la nota

Confcooperative, decreti ADI: “Garantire ampia concorrenza dell’imprenditoria locale”

di
16 Ottobre 2021

Confcooperative tramite una nota ufficiale ha fatto chiarezza in merito alla questione dell’assistenza domiciliare integrata.

La questione dei decreti ADI, per i quali siamo stati chiamati indirettamente in causa da alcune testate giornalistiche, – si  legge dalla nota – richiede una nostra doverosa puntualizzazione. A scanso di equivoci è bene intanto in via preliminare premettere che Confcooperative ha da sempre sostenuto l’esigenza di adottare il sistema dell’accreditamento. Riteniamo infatti che un buon sistema di accreditamento sia l’unica via percorribile per assicurare libertà di scelta agli assistiti e premiare, in logica di mercato, le imprese più capaci di attrarre gli utenti per la qualità del proprio servizio“.

Ciò premesso la questione che abbiamo fortemente denunciato è stata legata unicamente al rischio di un restringimento eccessivo del numero di imprese sostanzialmente accreditabili. Questa condizione infatti non solo avrebbe comportato l’esclusione di una parte importante dell’imprenditoria locale nostra associata, ma avrebbe nei fatti vanificato la logica stessa dell’accreditamento. Un numero troppo basso di partecipanti nei fatti non consentirebbe quel meccanismo di concorrenza che deve stare alla base della qualità del servizio“.

In questa nostra, solitaria, battaglia abbiamo trovato fin dall’inizio la disponibilità all’ascolto della VI Commissione all’Assemblea Regionale Siciliana, che, dopo averci convocati, ha sostenuto le nostre ragioni anche alla presenza del Governo“.

Successivamente, – prosegue – prima dell’ultima riunione della Commissione, abbiamo incontrato l’Assessore Razza, il quale ci ha rassicurati sul fatto che la necessità di garantire la più ampia concorrenza era tra le sue priorità e nel merito tecnico ci ha anticipato che la risposta alle questioni da noi sollevate sarebbe arrivata attraverso alcuni chiarimenti sui decreti ed una circolare attuativa in corso di emanazione”.

Essendo rimasti ovviamente soddisfatti della risposta, e non dubitando del fatto che l’Assessore intenda mantenere gli impegni assunti, abbiamo dato atto, tanto alla VI Commissione quanto all’Assessore, di avere compreso le nostre ragioni, dando così la possibilità all’imprenditoria locale, ovviamente quella dotata dei requisiti richiesti, di partecipare all’accreditamento per i servizi ADI“.

Questa nostra posizione è stata manifestata in tutte le sedi e anche pubblicamente con comunicati stampa facilmente reperibili in rete. Per il resto  – continua – è chiaro che non entriamo nel merito delle dinamiche parlamentari e dei rapporti tra il Governo e l’Assemblea Regionale. Ne assumiamo posizioni politiche. Non possiamo essere noi di certo a stabilire se il parere era dovuto preliminarmente o meno“.

Possiamo appunto solo ringraziare, a nome della cooperazione siciliana, – conclude – sia la Commissione che il Governo che hanno avuto la sensibilità di ascoltare e condividere le ragioni che abbiamo proposto“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin