"Conferenza delle Regioni Periferiche e Marittime", la Sicilia al centro del dibattito :ilSicilia.it
Palermo

a Palermo dal 16 al 18 ottobre

“Conferenza delle Regioni Periferiche e Marittime”, la Sicilia al centro del dibattito

di
15 Ottobre 2019

Domani al via a Palermo i lavori della 47ª Conferenza delle Regioni Periferiche e Marittime d’Europa, un organismo che opera dal 1973 e riunisce 160 regioni europee appartenenti ai 28 stati membri della U.E. In rappresentanza di circa 200 milioni di abitanti. La sua importante azione è volta a favorire uno sviluppo più equilibrato ed equo del territorio comunitario, con specifica attenzione alle così dette Regioni periferiche e marittime, infatti la quasi totalità delle regioni aderenti alla Conferenza fanno parte dell’area costiera europea.

La Conferenza, in qualità di interlocutore diretto dei Governi nazionali e delle Istituzioni Comunitarie, svolge la propria azione affinché le esigenze e gli interessi, delle regioni che ne fanno parte, siano presi in considerazione in tutte le politiche e produzioni legislative a forte e diretto impatto territoriale. Promuovendo anche progetti di cooperazione tra le regioni su problematiche comuni e puntando a favorire lo sviluppo regionale e la coesione territoriale in Europa con specifici proposte, quali: politiche regionali, marittime, sviluppo sostenibile, trasporti e pianificazione territoriale, pesca e ambiente, agricoltura e sviluppo rurale, ricerca e innovazione, energia e cambiamenti climatici , immigrazione e turismo.

La 47ª riunione dell’Assemblea quest’anno si svolgerà a Palermo dal 16 al 18 ottobre presso la monumentale sede del Real Albergo delle Povere.

Una scelta significativa, fortemente voluta dal Governo Regionale presieduto da Nello Musumeci, (che interverrà alla Conferenza giovedì 17 alle ore 15) nel rilanciare la centralità della Sicilia sia a livello nazionale che comunitario. Richiamando ad una ridistribuzione equa degli incentivi economici e focalizzando gli indirizzi normativi e le relative misure attuative sulle reali esigenze delle regioni periferiche e marittime, quali la Sicilia.

Un importante appuntamento che guarda al futuro, che guarda alla nuova Europa dove la condizione di insularità potrà essere portata ancora di più al centro delle politiche europee di coesione e perequazione.

Un dibattito che si articolerà in tre giorni a cura di esponenti di primissimo piano sia di livello nazionale che internazionale come: Mr Younous Omarjee Presidente del Comitato REGI del Parlamento Europeo, Mr. Vasco Cordeiro Presidente della Conferenza e Presidente della Regione delle Azzorre, così come il Sottosegretario di Stato all’Economia e Finanza, l’Italiano Alessio Maria Villarosa, Prof. Leoluca Orlando Sindaco del Comune di Palermo, Ms Eleni Marianou Segretario generale CPMR , Mr. Gilles Simèoni President of The commission and presidente of executive board of CorsicaMe, Karl-Heinz Presidente of the European Committee of Regione, Mr Enrico Rossi Presidente della Regione Toscana, Mr Marc Lemaitre Direttore Generale Regional and Urban policy europea commission e molti altri come da programma allegato.

 

IL PROGRAMMA QUI (pdf)

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.