Confermato l'ergastolo al boss Tagliavia per la strage di via dei Georgofili :ilSicilia.it
Palermo

In carcere per aver fornito l'esplosivo. Tagliavia già in ergastolo per la strage di via d'Amelio

Confermato l’ergastolo al boss Tagliavia per la strage di via dei Georgofili

di
20 Febbraio 2017

La seconda sezione penale della Cassazione ha stabilito la conferma dell’ergastolo al boss palermitano di Brancaccio Francesco Tagliavia per aver fornito l’esplosivo ha provocato la strage in via dei Georgofili a Firenze. Tagliavia era già stato condannato all’ergastolo per l’omicidio Borsellino, insieme a Riina, Greco e Graviano.

la-strage-dei-georgofili-4-2La nuova condanna arriva nell’ambito del processo bis al termine della riserva stabilita dopo la camera di consiglio un mese fa. Il 20 gennaio scorso, infatti, il sostituto pg, Mario Pinelli aveva sollecitato la conferma della sentenza emessa dalla Corte d’appello di Firenze il 24 febbraio 2016 che aveva condannato nuovamente Tagliavia all’ergastolo e all’isolamento diurno di un anno. Questa è la seconda volta che il processo approda in Cassazione, dal momento che la stessa Suprema Corte aveva annullato con rinvio la prima sentenza d’appello per una valutazione degli elementi di prova a sostegno delle dichiarazioni dei pentiti Gaspare Spatuzza e Pietro Romeo che accusavano Tagliavia.

francesco-tagliavia-1La strage di via dei Georgofili è stato una delle stragi di mafia del biennio 1992-93; l’attentato è stato compiuto nella notte fra il 26 e il 27 maggio del 1993 quando un’autobomba con 277 kg di esplosivo esplose in via dei Gergofili a Firenze uccidendo cinque persone: i coniugi Fabrizio Nencioni (39 anni) e Angela Fiume (36 anni) con le loro figlie Nadia Nencioni (9 anni), Caterina Nencioni (50 giorni di vita) e lo studente Dario Capolicchio (22 anni). I feriti furono più di 40 e numerosi furono i danni alla Galleria degli Uffizi.

“Era lui il capo famiglia, era lui che aveva mandato l’esplosivo a Firenze in via dei Georgofili”. Così Giovanna Maggiani Chelli, presidente Associazione vittime strage via dei Georgofili, commenta l’ergastolo di Tagliavia. “Il boia dei nostri figli. Ma sopratutto, pur aspettando le motivazioni – conclude Maggiani Chelli – è evidente che Gaspare Spatuzza è attendibile e la trattativa stato/mafia non si può più dire presunta”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin