Confesercenti: "La Sicilia resta arancione? Sarebbe fallimento del governo regionale" :ilSicilia.it

l'affondo del pres. Vittorio Messina

Confesercenti: “La Sicilia resta arancione? Sarebbe fallimento del governo regionale”

di
7 Maggio 2021

“Richiamare i cittadini al senso di responsabilità è eticamente comprensibile e decisamente pertinente in una situazione come quella in cui ci troviamo ma la politica non può puntare le sue carte solo su appelli di questo genere mentre le imprese e le famiglie siciliane stanno pagando un prezzo altissimo a causa delle conseguenze della pandemia”.

Lo dice il presidente di Confesercenti Sicilia, Vittorio Messina riguardo alla probabile permanenza della Sicilia in zona arancione per un’altra settimana.

Vittorio Messina
Vittorio Messina

Il probabile prolungamento cromatico in arancione nonostante gli indici di trasmissione del virus piuttosto contenuti – aggiunge Messina – sancisce il fallimento della strategia del governo regionale sia per la gestione della campagna vaccinale che ancora colloca la Sicilia all’ultimo posto in Italia nel rapporto tra vaccini consegnati e somministrati, sia nelle misure studiate per la ripresa delle attività economiche e soprattutto per le aziende della ristorazione e del turismo, le più colpite da un’altra settimana di permanenza in zona arancione e su cui bisognerebbe aprire anche il capitolo che riguarda i sostegni, del tutto insufficienti alle perdite subite.

Rispetto al Governo nazionale la giunta Musumeci non è riuscita neanche a muoversi verso l’ipotesi di un rischio calcolato, per quanto riguarda la ripartenza, dimostrando scarsa attenzione verso quel mondo produttivo da cui dipende la risposta più efficace al superamento di una crisi che rischia di essere dirompente rispetto alla tenuta degli equilibri della vita sociale dell’Isola”.

«Il report dell’Istituto superiore di Sanità ha attestato che l’indice del contagio (Rt) nella settimana dal 26 aprile al 2 maggio in Sicilia è sceso sotto 1 e quindi il rischio da moderato è diventato basso. Il mancato passaggio in zona gialla e la conferma di quella arancione è dipeso dal fatto che il decreto nazionale in tema di emergenza Coronavirus prevede che questo valore sia riconfermato per due settimane consecutive. Questo parametro è noto evidentemente a tutti tranne che a Confesercenti Sicilia, che lancia accuse pretestuose e immotivate al governo Musumeci».

Lo afferma Alessandro Aricó, capogruppo di DiventeràBellissima, replicando al presidente di Confesercenti Sicilia, Vittorio Messina, e aggiungendo: «Per il resto sono in netto calo i nuovi contagi e focolai, l’occupazione dei reparti di terapia intensiva e ordinaria da parte dei malati Covid è ben al di sotto delle soglie critiche ed è pure diminuito il tasso di positività rispetto ai tamponi eseguiti. Tutto ciò prelude a un auspicato e prossimo ritorno della nostra regione alla fascia gialla».

 

LEGGI ANCHE:

Covid, Sicilia si tinge di arancione per altri 10 giorni. Ancora attesa per il giallo

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.