Confesercenti: "La Sicilia resta arancione? Sarebbe fallimento del governo regionale" :ilSicilia.it

l'affondo del pres. Vittorio Messina

Confesercenti: “La Sicilia resta arancione? Sarebbe fallimento del governo regionale”

di
7 Maggio 2021

“Richiamare i cittadini al senso di responsabilità è eticamente comprensibile e decisamente pertinente in una situazione come quella in cui ci troviamo ma la politica non può puntare le sue carte solo su appelli di questo genere mentre le imprese e le famiglie siciliane stanno pagando un prezzo altissimo a causa delle conseguenze della pandemia”.

Lo dice il presidente di Confesercenti Sicilia, Vittorio Messina riguardo alla probabile permanenza della Sicilia in zona arancione per un’altra settimana.

Vittorio Messina
Vittorio Messina

Il probabile prolungamento cromatico in arancione nonostante gli indici di trasmissione del virus piuttosto contenuti – aggiunge Messina – sancisce il fallimento della strategia del governo regionale sia per la gestione della campagna vaccinale che ancora colloca la Sicilia all’ultimo posto in Italia nel rapporto tra vaccini consegnati e somministrati, sia nelle misure studiate per la ripresa delle attività economiche e soprattutto per le aziende della ristorazione e del turismo, le più colpite da un’altra settimana di permanenza in zona arancione e su cui bisognerebbe aprire anche il capitolo che riguarda i sostegni, del tutto insufficienti alle perdite subite.

Rispetto al Governo nazionale la giunta Musumeci non è riuscita neanche a muoversi verso l’ipotesi di un rischio calcolato, per quanto riguarda la ripartenza, dimostrando scarsa attenzione verso quel mondo produttivo da cui dipende la risposta più efficace al superamento di una crisi che rischia di essere dirompente rispetto alla tenuta degli equilibri della vita sociale dell’Isola”.

«Il report dell’Istituto superiore di Sanità ha attestato che l’indice del contagio (Rt) nella settimana dal 26 aprile al 2 maggio in Sicilia è sceso sotto 1 e quindi il rischio da moderato è diventato basso. Il mancato passaggio in zona gialla e la conferma di quella arancione è dipeso dal fatto che il decreto nazionale in tema di emergenza Coronavirus prevede che questo valore sia riconfermato per due settimane consecutive. Questo parametro è noto evidentemente a tutti tranne che a Confesercenti Sicilia, che lancia accuse pretestuose e immotivate al governo Musumeci».

Lo afferma Alessandro Aricó, capogruppo di DiventeràBellissima, replicando al presidente di Confesercenti Sicilia, Vittorio Messina, e aggiungendo: «Per il resto sono in netto calo i nuovi contagi e focolai, l’occupazione dei reparti di terapia intensiva e ordinaria da parte dei malati Covid è ben al di sotto delle soglie critiche ed è pure diminuito il tasso di positività rispetto ai tamponi eseguiti. Tutto ciò prelude a un auspicato e prossimo ritorno della nostra regione alla fascia gialla».

 

LEGGI ANCHE:

Covid, Sicilia si tinge di arancione per altri 10 giorni. Ancora attesa per il giallo

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin