Confindustria, Di Stefano: fiore all'occhiello degli industriali in Sicilia segnati dalle inchieste antimafia | ilSicilia.it :ilSicilia.it

il fatto

Confindustria, Di Stefano: fiore all’occhiello degli industriali in Sicilia segnati dalle inchieste antimafia

di
30 Giugno 2020

Dopo la vittoria di Carlo Bonomi contro Licia Mattioli per la presidenza di Confindustria, c’è stata una nuova sfida che ha appassionato i protagonisti di viale dell’Astronomia. La nomina del presidente dei Giovani imprenditori.

Confindustria vive da tempo una crisi profonda a causa degli scandali giudiziari che hanno investito Antonello Montante. Una crisi di identità e consensi che si vanno a miscelare verso una nebulosa fase 2 di uscita dell’emergenza sanitaria.

L’elezione della guida dei giovani è stato un appuntamento importante sperando in un cambio di passo rispetto al passato. E’ notizia di qualche giorno fa che a vincere la competizione elettorale è stato il palermitano Riccardo Di Stefano, vice dell’attuale presidente Alessio Rossi.

Di Stefano lavora nell’azienda di famiglia Officina Lodato che vanta una ventina di dipendenti. A molti è parso strano che si sia candidato alla presidenza nazionale senza aver avuto neanche una nomina prestigiosa associativa sui territori.

A quanto pare per Di Stefano ha fatto il tifo tutta la Sicilia. Sembra che il tifo sia persino arrivato anche da Asti dove, al momento, è agli arresti domiciliari Antonello Montante, l’ex capo di Confindustria Sicilia, condannato o scorso anno a 14 anni di carcere per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Sembra anche che il giovane rampante imprenditore palermitano abbia un debole per il politico Alfio Marchini. L’ex candidato a sindaco di Roma.

Questo non era un paese per giovani prima del Covid e non lo è adesso. Bisogna rimetterli al centro. Lavorando. Puntando a una crescita reale. Non facendo nuovo debito da lasciare sulle spalle delle nuove generazioni“. Su questi temi Di Stefano è pronto ad affiancare il presidente Bonomi in una serie di rivendicazioni al governo Conte, le stesse sulle quali ha insistito durante la competizione interna con Calearo Ciman.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.