7 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.15
Palermo

AL CENTRO IL FUTURO DELL'ISOLA

Confronto sul rapporto Italia – Sicilia, Musumeci incontra il neo-ministro Provenzano

13 Settembre 2019

Si è svolto a Palazzo d’Orleans a Palermo, l’incontro fra il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e il neo ministro per il sud, Giuseppe Provenzano.  Esiste “una profonda preoccupazione sullo stato di attuazione della spesa dei fondi Ue in Sicilia“, ha sottolineato il ministro a margine dell’incontro .

Non mi interessano le cause del passato, ma dobbiamo trovare una soluzione. – ha dichiarato il ministro – Rischiamo il disimpegno per il 2019 e di mettere in crisi anche la nuova programmazione”, ha aggiunto. Da qui la proposta del ministro, avanzata nel corso dell’incontro di oggi, di un vertice trilaterale con la commissaria UE, la Regione e il ministero da realizzarsi subito, “anche a settembre”. “Salvare la nuova programmazione e’ la base di partenza”, ha spiegato Provenzano.

All’incontro hanno partecipato anche gli assessori regionali all’economia, Gaetano Armao, il collega con la delega al Territorio Toto Cordaro e la titolare degli Enti locali, Bernadette Grasso.

Tenevo particolarmente a essere nelle mia regione come prima uscita e concludere con un doveroso saluto al presidente“, ha spiegato Provenzano al termine dell’incontro, “per dire che questo governo, dopo governi dove la parola Mezzogiorno si faceva fatica anche a pronunciare, deve diventare una delle priorità anche in Europa. In questo quadro la Sicilia e’ strategica. La regione deve superare il suo isolamento“.

Io non sono solo ministro per il Sud, ma anche per la Coesione territoriale, – sottolinea il ministro – che e’ anche il divario tra città e periferie, e voglio rilanciare la strategia sulle aree interne. Vorrei fare questo lavoro anche con i sindaci. E per questo e’ stato importante incontrare Leoluca Orlando nella sua qualità di presidente dell’Anci. Nessun sindaco deve essere lasciato solo.

Sull’incontro si è espresso anche il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che a margine dell’incontro ha dichiarato: “Confidiamo in un rapporto di proficua collaborazione con il governo Conte bis e con il ministro anche in relazione alla sua importante delega. Avremo modo di fissare calendari di incontri e lavori“.

Le esigenze prioritarie sono un grande Piano straordinario per il Mezzogiorno, uno snellimento delle procedure per la certificazione dei Fondi europei, tenuto conto dei lacci e laccioli delle normative europee e della nota carenza di funzionari nei dipartimenti regionali. Le Zes saranno poi un’altra occasione per rinvigorire il tessuto imprenditoriale in Sicilia“, ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana.

Abbiamo poi affrontato – ha aggiunto Musumeci – il tema della fiscalità di vantaggio e dell’eterna realizzazione dell’autostrada Catania-Ragusa, che rimane ancora in bilico tra una soluzione tutta pubblica e una con l’intervento dei privati. Inutile dire che sulle infrastrutture stiamo facendo il possibile, ma siamo convinti che al Mezzogiorno d’Italia, per recuperare il divario Nord-Sud, serva una riforma anticiclica, con brevi e medie scadenze. Per fare questo occorre una norma nazionale che ci consenta di derogare e accelerare la spesa consentendo di aprire quanti più cantieri e dando ossigeno alle attività imprenditoriali“.

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.