Conoscere le origini dell'Islam, a Catania ciclo di seminari promosso da Unict :ilSicilia.it
Catania

AD APRIRE LE DANZE LA SCRITTRICE HODA BARAKAT

Conoscere le origini dell’Islam, a Catania ciclo di seminari promosso da Unict

di
7 Dicembre 2019

Martedì 10 dicembre alle 17, nell’auditorium “Giancarlo De Carlo” del Monastero dei Benedettini, verrà inaugurata la quinta edizione dell’iniziativa d’Ateneo “Conoscere il mondo islamico – Donne e Islam ieri e oggi“, promossa dal dipartimento di Scienze umanistiche (Disum), in collaborazione con il Centro per gli studi sul Mondo Islamico Contemporaneo e l’Africa (CoSMICA).

Il ciclo di seminari verrà aperto dalla scrittrice libanese Hoda Barakat, recentemente insignita del prestigioso Booker International Prize per il romanzo “Barid al-Layl / La posta della notte”, e sarà animato da Mirella Cassarino (Università di Catania) e Samuela Pagani (Università del Salento), quest’ultima in qualità di traduttrice del romanzo e studiosa dell’opera dell’autrice.

Quest’anno il ciclo di seminari “Conoscere il mondo islamico” è dedicato al tema “Donne e Islam ieri e oggi”, e si propone fornire agli studenti e ai cittadini alcuni strumenti utili per comprendere la complessità che caratterizza il mondo islamico dal punto di vista storico, culturale e sociopolitico.

Organizzato dalle docenti del dipartimento di Scienze umanistiche Laura Bottini (Storia dei Paesi islamici), Mirella Cassarino (Lingua e letteratura araba), Daniela Potenza (Lingua e letteratura araba) e coordinato dalla prof.ssa Cristina La Rosa (Lingua e letteratura araba), il laboratorio si articola in tre moduli, per un totale di nove incontri di due ore ciascuno.

Nel primo modulo, dedicato ai “Fondamenti”, verranno affrontate questioni relative ai concetti fondamentali legati alla storia delle donne (Laura Bottini, Università di Catania) e dei femminismi nell’Islam (Renata Pepicelli, Università di Pisa).

Nel secondo modulo, “Donne fra storia e diritto”, ci si soffermerà sulla diversa condizione delle donne in paesi del Maghreb e del Mashreq, con gli interventi di una specialista di diritto di famiglia, Roberta Aluffi Beck Peccoz (Università di Torino), di una storica dell’Africa moderna e contemporanea, Daniela Melfa (Università di Catania) e di una studiosa di questioni di genere, Ersilia Francesca (Università di Napoli L’Orientale). Il terzo e ultimo modulo, invece, sarà dedicato a “Donne fra storia e letteratura” e vedrà gli interventi di Mirella Cassarino (Università di Catania), Daniela Potenza (Università di Catania) e Isabella Camera D’Afflitto (Università di Roma La Sapienza).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.