15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Catania

Possibili disagi per gli studenti

Conservatorio Catania: lavoratori senza stipendio in stato di agitazione

12 Ottobre 2018

“Non si può lavorare senza percepire lo stipendio per due mesi, per non parlare degli arretrati contrattuali, dei fondi di istituto e delle ore aggiuntive di insegnamento al Conservatorio, accumulate dal 2014 ad oggi. Per questo le Rappresentanze sindacali dell’istituto hanno deciso di proclamare lo stato di agitazione”. Lo dicono Antonella Distefano, FLC CGIL Catania e Graziamaria Pistorino, FLC CGIL Sicilia, in merito alla situazione vissuta dai circa 100 lavoratori dell’Istituto musicale Vincenzo Bellini di Catania.

“La cosa è ancora più grave – aggiunge – se si considera che si tratta di un problema di liquidità e non di mancanza di fondi. Le risorse, infatti, sono state stanziate dallo Stato, dal Comune e dalla Città Metropolitana, ma non erogate”.

Graziamaria Pistorino
Graziamaria Pistorino

“È indispensabile – continua – porre immediatamente rimedio a questa situazione diventata insopportabile per i lavoratori e le loro famiglie. Ci auguriamo pertanto che gli enti competenti facciano quanto dovuto per ristabilire la normalità. Viceversa saremo costretti a passare dall’agitazione allo sciopero. Una strada che fino ad oggi abbiamo scartato, con grande senso di responsabilità, per non creare disagi agli studenti, ma che nei prossimi giorni saremo pronti a percorrere”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.