Conservazione prodotti ittici: concluso il progetto sulla refrigerazione innovativa :ilSicilia.it

Il convegno finale si è tenuto il 30 maggio

Conservazione prodotti ittici: concluso il progetto sulla refrigerazione innovativa

11 Giugno 2019

Si è tenuto lo scorso 30 maggio, nella sala delle bandiere del distretto della pesca e crescita blu, il convegno finale del progetto dal titolo: Sistemi innovativi per la conservazione dei prodotti ittici refrigerati”.

Il progetto, promosso dal Distretto della Pesca e Crescita Blu e dall’istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia “Adelmo Mirri”, è stato finalizzato alla sperimentazione di apparecchiature con refrigerazione innovativa, alternative a quelle tradizionali, per il miglioramento della conservazione, della shelf life, della qualità igienico-sanitaria e della commercializzazione dei prodotti della pesca.

A moderare l’incontro è stato Antonino Iozza, responsabile gestione del progetto, il quale nel suo intervento iniziale ha ricordare l’idea progettuale del compianto presidente del distretto, Giovanni Tumbiolo.

Iozza ha parlato, in sintesi, delle principali  fasi del progetto che ha
avuto la durata di 18 mesi, scanditi in:

  • Preparazione protocollo di campionamento per la valutazione delle variazioni di carica microbica totale e degli  indici di freschezza nei diversi tipi di refrigerazione;
  • Campionamenti  e prelievi;
  • Analisi  statistica  dei dati;

Giuseppe Dimino, dirigente servizio 3 dipartimento della Pesca Mediterranea, ha portato i saluti del direttore generale del dipartimento pesca mediterranea. Rosolino Greco, ha illustrato le possibilità offerte dal FEAMP attraverso la misura 1.26, dedicata alla pesca, e la misura 2.46 dedicata all’acquacoltura.

“Ovviamente – ha sottolineato Dimino i fondi sono a disposizione di coloro che presentano progetti che hanno effettive ricadute sul territorio in termini occupazionali e di miglioramento della qualità per produttori e consumatori”.

Giuseppe Pernice, coordinatore dell’osservatorio della pesca del Mediterraneo, ha sottolineato come già nel piano distrettuale, nel 2004, era presente l’idea di un tavolo permanente fra il mondo della ricerca e quello delle imprese, idea all’origine della costituzione dell’osservatorio della Pesca del Mediterraneo, che proprio lo scorso maggio ha compiuto 12 anni, per dare risposte concrete alle esigenze delle imprese della filiera della pesca.

Daniela Lo Monaco, dirigente biologo dell’istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia “A. Mirri”, è intervenuta sul tema “Tecniche innovative di refrigerazione a confronto”. Per la valutazione dell’effetto della refrigerazione passiva rispetto alla refrigerazione tradizionale, sono stati utilizzati esemplari di Aristaeomorpha foliacea (gambero rosso), Parapenaeus longirostris (gambero rosa), Nephrops norvegicus (scampo), Dicentrarchus labrax (spigola) e su queste specie sono state condotte periodicamente, analisi sensoriali, microbiologiche, parassitarie e chimico-fisiche.

Giuseppe Barbera, medico veterinario specialista in ispezione degli alimenti di origine animale, è intervenuto sul tema “Tracciabilità tra obblighi e opportunità”.

“Bisogna rispettare e tutelare in primis i consumatori, bisogna però anche dire – ha sottolineato Barbera  che l’eccesso di leggi, che talvolta si contraddicono, ostacola spesso la commercializzazione dei prodotti provocando disagi ai produttori”.

Infine il responsabile scientifico del progetto, Calogero Di Bella, ha tracciato le conclusioni: “I risultati ottenuti dalle attività progettuali consentono di affermare che, nelle condizioni di conservazione utilizzate, la refrigerazione passiva non sembra apportare un significativo miglioramento alla conservabilità dei prodotti ittici. Significativa è invece la riduzione dei costi, soprattutto di natura energetica, legata alla refrigerazione passiva”.

Il Convegno si è concluso con un partecipato dibattito nel quale i diversi operatori della pesca mediterranea presenti hanno manifestato la necessità di implementare nuovi modelli per la valorizzazione del pescato.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.