Consiglio comunale: si spacca la maggioranza di Orlando sull'Amap :ilSicilia.it

A sollevare la questione Sandro Terrani

Consiglio comunale: si spacca la maggioranza di Orlando sull’Amap

di
14 Marzo 2019

Scontro in Aula tra la maggioranza Orlandiana in Consiglio comunale per la questione Amap sollevata da Sandro Terrani, capogruppo del Mov139, preoccupato per il destino dei 167 lavori ex Amia Essemme, che nel 2015 furono assunti dalla partecipata, e in merito a quanto asserito dagli uffici delle società sul sovradimensionamento dei corrispettivi che sono stati concessi.

Sandro Terrani

Infatti – afferma Terrani – nel 2014 l’Amministrazione ha accettato e sottoscritto con la firma dell’ingegnere Vallone e del direttore Ragonese per Amap, la congruità del corrispettivi pagati fino a marzo ad Amap“.

Il capogruppo del Mov139 ha chiesto la pregiudiziale chiedendo la presenza in Aula dell’assessore alle Partecipate e dei dirigenti, richiesta che è stata bocciata, infatti hanno votato a favore in 15 delle opposizioni 11 contrari e 4 astenuti tra cui Tantillo.

Certamente sì è evidenziato come una parte del Consiglio Comunale non abbia assolutamente capito la gravità della situazione, che se non affrontata immediatamente potrebbe creare un problema sociale ed occupazionale dei lavoratori Amap” ha concluso Terrani.

Rosario ArcoleoSospesa la seduta, si è svolta una riunione di maggioranza, dalla quale è emersa la spaccatura del Pd a Sala delle Lapidi, tra area Zingarettiana e area Faraone, “Il percorso intrapreso con il nostro sostegno nel 2017 ad Orlando si è trasformato in una cosa che non riconosciamo. Percorso che vede sempre più l’Amministrazione lontana dalle persone – afferma il consigliere comunale Rosario Arcoleo (Pd area Zingaretti) – Noi richiediamo un rilancio serio, vero e questo al netto delle persone che fanno parte della maggioranza non lo è“.

“Quello che avevamo chiesto era una scelta condivisa con gli uomini e le donne del PD – prosegue Arcoleo – Anche in un’assemblea pubblica che ci avrebbe consegnato una scelta partecipate e non il mescolare di alcuni tasselli utili solo ad alcuni pezzi di maggioranza. Quindi ad oggi voteremo solo i provvedimenti a nostro giudizio utili a Palermo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin