Consiglio comunale: si spacca la maggioranza di Orlando sull'Amap :ilSicilia.it

A sollevare la questione Sandro Terrani

Consiglio comunale: si spacca la maggioranza di Orlando sull’Amap

di
14 Marzo 2019

Scontro in Aula tra la maggioranza Orlandiana in Consiglio comunale per la questione Amap sollevata da Sandro Terrani, capogruppo del Mov139, preoccupato per il destino dei 167 lavori ex Amia Essemme, che nel 2015 furono assunti dalla partecipata, e in merito a quanto asserito dagli uffici delle società sul sovradimensionamento dei corrispettivi che sono stati concessi.

Sandro Terrani

Infatti – afferma Terrani – nel 2014 l’Amministrazione ha accettato e sottoscritto con la firma dell’ingegnere Vallone e del direttore Ragonese per Amap, la congruità del corrispettivi pagati fino a marzo ad Amap“.

Il capogruppo del Mov139 ha chiesto la pregiudiziale chiedendo la presenza in Aula dell’assessore alle Partecipate e dei dirigenti, richiesta che è stata bocciata, infatti hanno votato a favore in 15 delle opposizioni 11 contrari e 4 astenuti tra cui Tantillo.

Certamente sì è evidenziato come una parte del Consiglio Comunale non abbia assolutamente capito la gravità della situazione, che se non affrontata immediatamente potrebbe creare un problema sociale ed occupazionale dei lavoratori Amap” ha concluso Terrani.

Rosario ArcoleoSospesa la seduta, si è svolta una riunione di maggioranza, dalla quale è emersa la spaccatura del Pd a Sala delle Lapidi, tra area Zingarettiana e area Faraone, “Il percorso intrapreso con il nostro sostegno nel 2017 ad Orlando si è trasformato in una cosa che non riconosciamo. Percorso che vede sempre più l’Amministrazione lontana dalle persone – afferma il consigliere comunale Rosario Arcoleo (Pd area Zingaretti) – Noi richiediamo un rilancio serio, vero e questo al netto delle persone che fanno parte della maggioranza non lo è“.

“Quello che avevamo chiesto era una scelta condivisa con gli uomini e le donne del PD – prosegue Arcoleo – Anche in un’assemblea pubblica che ci avrebbe consegnato una scelta partecipate e non il mescolare di alcuni tasselli utili solo ad alcuni pezzi di maggioranza. Quindi ad oggi voteremo solo i provvedimenti a nostro giudizio utili a Palermo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.