Consulte Giovanili Siciliane: "Bisogna porre fine alle strumentalizzazioni e speculazioni" :ilSicilia.it
Palermo

la polemica

Consulte Giovanili Siciliane: “Bisogna porre fine alle strumentalizzazioni e speculazioni”

di
15 Novembre 2019

Apprendiamo dai social media e dai giornali che, nonostante l’approvazione di una legge regionale che disciplina in modo chiaro la materia, è stato organizzato per oggi a Palermo un incontro della Assemblea delle Consulte Giovanili Siciliane con lo scopo di stilare addirittura una carta programmatica per i prossimi cinque anni”, affermano in una nota Diventerà Bellissima Giovani Sicilia, Forza Italia Giovani Sicilia e Gioventù Nazionale Sicilia.

Intendiamo fare chiarezza sulla vicenda specificando che nessun organo è autorizzato dalla Regione Siciliana a riunirsi in nome e in rappresentanza dei giovani delle Consulte giovanili Siciliane, nè tantomeno a fissare incontri con altre consulte del Sud Italia in nome della Sicilia.  Ci auguriamo quindi che si ponga fine a queste reiterate strumentalizzazioni e speculazioni sui giovani siciliani“, aggiungono.

La legge prevede che per l’istituzione della Consulta Giovanile Siciliana siano indette regolari elezioni che daranno la possibilità ai giovani delle Consulte giovanili comunali di esprimere democraticamente i propri rappresentanti. Noi ci battiamo affinché questo utile strumento di partecipazione democratica venga adoperato nei limiti della legge e con la massima trasparenza“, conclude la nota.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.