Consulte giovanili: via all'iscrizione all'albo regionale :ilSicilia.it

La scadenza è fissata al 30 luglio 2019

Consulte giovanili: via all’iscrizione all’albo regionale

di
3 Luglio 2019

Parte l’iscrizione presso l‘albo regionale delle Consulte Giovanili comunali e territoriali della Regione Siciliana. 

Il Presidente dell’Assemblea Regionale delle Consulte Siciliane Alessandro Magistro ha dato il via libera, come promesso, dando un chiaro messaggio di inclusione, in questo modo il governo regionale avrà una mappatura chiara in sicilia delle consulte esistenti fino ora mai redatta con concretezza.

Per iscrivere la propria  consulta comunale giovanile all’albo  regionale delle Consulte occorre che i Presidenti delle stesse inoltrino una semplice email a l’indirizzo: assembleaconsultesiciliane@gmail.com che certifica l’esistenza della stessa consulta locale attiva, specificando  nome cognome, data di nascita e paese di residenza.

La scadenza è fissata al 30 luglio 2019. Il Presidente Magistro commenta ” Un passo fondamentale per dare un identità concreta e reale al massimo organo di rappresentanza giovanile locale , dice Magistro, una svolta che certifica un impegno comune”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.