Conte a Brancaccio tra le polemiche, l'amarezza del fratello di Padre Pino | Video :ilSicilia.it
Palermo

Proprio ieri Roma ha cancellato 16 milioni

Conte a Brancaccio tra le polemiche, l’amarezza del fratello di Padre Pino

di
14 Settembre 2018

Guarda il video in alto

E’ stata segnata dalle polemiche la partecipazione del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alla cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico a Brancaccio presso l’istituto comprensivo statale intitolato a Padre Pino Puglisi di Palermo, il parroco ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993. Prima quella politica, per la perdita dei fondi destinati alle periferie delle città, poi l’amarezza di Francesco Puglisi, fratello di Padre Pino, per le promesse fatte dalle istituzioni per Brancaccio e mai mantenute.

Già al suo arrivo Conte, infatti, è stato chiamato a rispondere alle accuse lanciate dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che ha disertato l’iniziativa per manifestare il proprio dissenso nei confronti del decreto Milleproroghe con il quale, stanotte, è stato cancellato un finanziamento di 16 milioni di euro per la realizzazione proprio a Brancaccio, in via Cirincione, di un complesso scolastico polivalente con strutture sportive.

“Se il sindaco ritiene questo e non accoglie il suo presidente faccia pure. Ma bisogna essere corretti però, ieri sera lavorando fino a tarda notte ho incontrato una ventina di sindaci dell’Anci e non ricordo il volto del sindaco Orlando”, ha detto Conte ai cronisti argomentando che la perdita delle risorse deriva da un problema di costituzionalità delle norme a cui il governo sta ponendo rimedio per recuperare i fondi e i progetti.

Spiegazioni che però non sono servite a placare le proteste dell’opposizione. “A Palermo sono stati tagliati quasi 220 milioni di euro – affermano in una nota congiunta i deputati siciliani di Forza Italia Stefania Prestigiacomo, Giusi Bartolozzi, Nino Germana’, Nino Minardo, Francesco Scoma e Matilde Siracusano – il comune di Agrigento ha perso piu’ di 33 milioni di euro; quasi 9 milioni e mezzo in meno per il comune di Caltanissetta; al comune di Siracusa tagliati oltre 17 milioni e mezzo; quasi 9 milioni di euro in meno per il comune di Enna; per Catania oltre 57 milioni in meno; la citta’ metropolitana di Messina ha subito tagli per 86 milioni di euro; al comune di Ragusa sono stati tagliati oltre 28 milioni di euro; al comune di Trapani, infine, andranno quasi 5 milioni di euro in meno”.

“Qualche giorno fa – aggiungono – Conte ha preso in giro l’Anci promettendo nuove risorse per i Comuni da erogare con futuri provvedimenti dell’esecutivo. Noi non abbocchiamo e denunciamo il comportamento di un governo che si professa del cambiamento ma che con le sue decisioni si schiera apertamente contro i territori e contro i cittadini”

Dure anche le parole del fratello di Padre Pino rivolte a Conte: “In passato abbiamo chiesto qualche cosa per questo quartiere che è una periferia dimenticata di Palermo e purtroppo l’anno successivo sono stato costretto a rinfacciarli di aver ricevuto un trattamento speciale, non le chiedo niente così non sarò costretto a rinfacciarle niente”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin