Conte a Palermo lasciato solo a riflettere sui guai di Palermo e della Sicilia :ilSicilia.it
Palermo

La visita a Brancaccio

Conte a Palermo lasciato solo a riflettere sui guai di Palermo e della Sicilia

di
14 Settembre 2018

La stella che protegge “gli avvocati degli italiani” che hanno la ventura di diventare premier ha fatto tardi quest’anno le sue ferie. Giuseppe Conte arriva a Palermo nel giorno sbagliato, quello che in cui le aspettative non incrociano la misericordia dell’attesa, come nel caso della visita di domani di Papa Francesco, ma si schiantano sugli esiti e i “non fatti” che poco portano alla Sicilia. Tra i “non fatti” gli interventi che mancheranno alle periferie siciliane dopo il taglio contenuto nel Milleproroghe. Questo ha dato lo spunto al sindaco di Palermo, un altro esperto di “non fatti” per alzare la voce, crediamo a pieno titolo, sulle contingenze che si abbattono inattese, ma deleterie,  su Palermo e la Sicilia.

Conte, del resto, aveva esordito male, non ricordando “il congiunto” di Sergio Mattarella, che più che altro è il presidente dei siciliani, Piersanti, assassinato dalla mafia. Ma una seconda occasione va sempre data.

Adesso, da oggi Conte sa, ma non solo lui, che gli Lsu di Palermo saranno una spina anche per questo esecutivo, e che sui rifiuti i proclami dei ministri valgono quanto quelli degli assessori che si danno il cambio, mentre nelle discariche cambia sempre meno.

È una storia vecchia, sin dalla prima Repubblica, che chi governa da Roma non voglia prendere impegni troppo stretti con il Sud e quindi con la Sicilia che del  meridione è la periferia culturale più comoda da individuare. Il baricentro dei problemi dell’Isola, perlatro, la rende visibile peraltro, quando si è trattato, sin dai tempi del berlusconismo, di innaffiare di promesse e sogni metropolitani, un mondo piccolo  e provinciale, i cui voti però hanno legittimato e continuano a legittimare gli esecutivi nazionali.

Non ebbe un destino diverso il mondo di speranze che convergeva da destra su Gianfranco Fini e Alleanza Nazionale. Prima di dare sentenze definitive su un’interlcuzione  con Roma e con il governo grillo-leghista, occorrono ancora ben altre verifiche. Tra i fatti registrati oggi, durante la visita del premier alla scuola di Brancaccio, anche l’assenza del governatore siciliano Nello Musumeci che ha delegato l’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla. In rappresentanza del Comune era presente l’assessore alla Scuola Giovanna Marano e quello alla Cittadinanza Giuseppe Mattina.

Neanche a Matteo Renzi la calata in Sicilia all’epoca portò una grandissima fortuna. Forse è la nemesi che punisce chi svuota nella delusione degli atti o dei silenzi, gli occhi carichi di speranze e di aspettative di un popolo che sta morendo di attesa.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.