Conte illustra il nuovo Dpcm: chiudono sale bingo, palestre e teatri. Al ristorante al tavolo massimo in quattro :ilSicilia.it

Il discorso del premier

Conte illustra il nuovo Dpcm: chiudono sale bingo, palestre e teatri. Al ristorante al tavolo massimo in quattro

di
25 Ottobre 2020

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha presentato il nuovo Dpcm, che entrerà in vigore dalla Mezzanotte.

Nel dettaglio: bar, pasticcerie e ristoranti chiudono alle 18. Massimo 4 persone per tavolo salvo che negli stessi nuclei familiari. Chiudono palestre, piscine e centri benessere.

Chiudono teatri cinema e sale da concerto. Chiudono anche sale bingo e sale scommesse. Restano aperti i musei. No a feste religiose e fiere.

Sospese tutte le competizioni dello sport tranne quelle professionistiche. Nelle Scuole superiori dad promossa fino al 75%. Smart working previsto nella Pubblica amministrazione e raccomandato nelle aziende private.

Inoltre si raccomanda di uscire soltanto per motivi di lavoro, studio e necessità. Si raccomanda di non ricevere a casa persone che non siano del nucleo familiare.

Poi Conte spiega che “Sono già pronti gli indennizzi per tutte le persone che verranno danneggiate da queste nuove norme. Arriveranno nuovi contribuiti a fondo perduto, ci sarà il credito di imposta per affitti commerciali di ottobre e novembre – dice – la sospensione della seconda rata Imu. Viene inoltre confermata la cassa integrazione, offerta una nuova indennità mensile una tantum per stagionali del turismo, spettacolo e lavoro intermittenti del mondo dello sport, un’ulteriore mensilità del reddito di emergenza e misure di sostengo della filiera agroalimentare“.

L’obiettivo è chiaro, vogliamo tenere sotto controllo la curva epidemiologica perché solo così riusciremo a gestire la pandemia senza rimanerne sopraffatti. Ma questo significa offrire risposta efficiente e cure adeguate a tutti i cittadini e scongiurare lockdown generalizzato, il paese non può più permetterselo“, sottolinea.

Dobbiamo salvaguardare l’economia e il diritto alla salute. Ci auguriamo di affrontare dicembre e le festività natalizie con maggiore serenità”, ha aggiunto.

SANITA’

Non dobbiamo solo vedere il numero dei decessi ma dobbiamo anche vedere lo stress delle strutture ospedaliere e sanitarie. E’ anche questa una delle motivazioni che ci ha spinto ad agire in modo più risoluto con questo dpcm“, ha evidenziato Conte  riguardo il Sistema Sanitario del Paese -. Stiamo lavorando tanto per continuare a rafforzare la resilienza del nostro Ssn e sicuramente integrare in questa strategia e coinvolgere a pieno titolo i medici di famiglia rientra nei nostri obiettivi. Lo sono già ma possono essere ancora poi coinvolti nei compiti che ci aspettano”.

“Il ministro della Salute sta già lavorando e sul tavolo c’è un rinnovo contrattuale che servirà anche a motivare i medici di base per coinvolgerli in questi nuovi compiti. Saranno dei nostri preziosi alleati in questa strategia di contrasto al Covid-19“, ha aggiunto.

La commissione europea ha stipulato contratti che prevedono già a dicembre le prime dosi di vaccini, se questi impegni saranno confermati potremo intervenire subito per distribuire i vaccini alle categorie più fragili e agli operatori sanitari che sono esposti al pericolo“, ha detto il premier in conferenza stampa.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin