Conti Amat, Figuccia: "L'unica speranza per non 'spennare' i palermitani è quella di affidare l'azienda in mani capaci" :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia del consigliere comunale di Palermo

Conti Amat, Figuccia: “L’unica speranza per non ‘spennare’ i palermitani è quella di affidare l’azienda in mani capaci”

8 Maggio 2019

Dopo il quasi “de profundis” recitato qualche giorno fa al capezzale dell’Amat, improvvisamente adesso il moribondo è guarito, anzi gode di ottima salute”,  a dirlo Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: “L’assessore Catania e il presidente Cimino annunciano urbi ed orbi e con sorrisi a 36 denti che la “nuova” Amat ha un capitale aziendale di 36 milioni di euro (un milione a dente, sic). Peccato, però, che solo l’altro ieri c’era un deficit di oltre 50 milioni”.

Sabrina FigucciaInsomma, se non siamo alle comiche poco ci manca. Sulle spoglie di quella che fu una gloriosa azienda capace di dare lavoro e offrire un servizio dignitoso, si sta consumando ora un triste balletto per cercare di rattoppare la voragine di debiti che l’Amat ha accumulato negli ultimi anni” prosegue la Figuccia.

Questi miracolosi 36 milioni, che naturalmente usciranno dalle tasche dei palermitani sotto forma di tasse, serviranno soltanto a pagare i debiti e non certamente a rilanciare l’azienda, il cui stato di salute cambia quotidianamente in base agli umori di amministratori ed assessori“.

L’unica speranza dei palermitani per avere un servizio di trasporto pubblico efficiente – conclude Sabrina Figuccia –  senza essere spennati è quella di affidare l’Amat in mani capaci, che sappiano affrontare i tantissimi problemi, ma soprattutto capaci di trovare le soluzioni più giuste. Un’impresa che, con gli attuali protagonisti, sembra quasi ai limiti della fantascienza…”.

 

LEGGI ANCHE:

In consiglio comunale il piano di risanamento Amat: preoccupazione per i conti dell’azienda

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.