Conti: Sicilia tra le due regioni italiane non declassate da Moody's :ilSicilia.it

Riconosciuto il lavoro di risanamento

La Sicilia è una delle due regioni non declassate da Moody’s

26 Ottobre 2018

La Sicilia, insieme al Lazio, è tra le due regioni italiane a non essere stata declassata dal punto di vista finanziario nell’ultima valutazione elaborata dalla celebre agenzia di rating Moody’s, il 23 ottobre scorso.

Una novità per una regione che in molte occasioni si è contraddistinta per le sue performance negative. Questo non vuol dire che i conti sono a posto e la situazione dell’economia è rosea: sulla Sicilia grava un debito consistente, di 7,4 miliardi di euro, il Pil cresce poco e la disoccupazione fa registrare sempre tassi altissimi. Tuttavia viene riconosciuto il lavoro di risanamento avviato negli ultimi anni dal governo Crocetta e proseguito da quello Musumeci.

Mentre il rating dei titoli di Stato italiani è passato da Baa2 a Baa3, quello dell’Isola è rimasto fermo al livello Ba1.

palazzo d'orleansQuesto giudizio, che conferisce alla Sicilia maggiore credibilità sui mercati nazionali ed internazionali, si basa su una serie di considerazioni. Tra tutte i risparmi ottenuti nel corso degli anni sulla sanità, alla luce del piano di rientro concordato nel 2007 col governo nazionale. Questa, infatti, è la più grande voce di spesa, pari al 45% del totale delle uscite. La Regione è riuscita, spiega l’agenzia a “ridurre l’esposizione cumulativa delle entità sanitarie aumentando le tasse, accedendo ai risparmi regionali, utilizzando le risorse del governo centrale e sottoscrivendo un prestito trentennale di 2,6 miliardi”.

Inoltre, nella formulazione del giudizio sono stati presi in considerazione altri fattori, come l’autonomia speciale che consente alla Regione di poter avere un gettito fiscale e tributario diretto e la disponibilità delle risorse nazionali ed europee.

Secondo Moody’s, infatti, la Sicilia può contare su “una forte probabilità di sostegno straordinario da parte del governo nazionale nel caso in cui si trovasse di fronte ad una crisi acuta di liquidità”. Per quanto riguarda gli investimenti, invece, scrive sempre sul proprio report, “ci aspettiamo che la regione faccia sempre più affidamento sui fondi dell’Unione europea”.

Infine l’agenzia prevede un calo del debito generale già a partire dal 2017.

LE REAZIONI

Armao«Una Sicilia più credibile sul piano finanziario, può puntare alla crescita. Questo il quadro che emerge dall’outlook di Moody’s. Un risultato in controtendenza rispetto all’intero sistema istituzionale e finanziario Italia i cui ratings sono scesi a causa del downgrade statale (la Sicilia avrebbe avuto un miglioramento nel caso di stabilità statale). È Il frutto di un lungo lavoro, non solo mio e del Governo. Complimenti all’Assessorato all’economia, ai miei successori/predecessori per la parte in cui hanno contribuito al risanamento che avviai nel 2011 e che il Governo Musumeci prosegue. Ma sopratutto grazie ai siciliani che hanno supportato l’ineludibile percorso di recupero di un sistema quasi al default», ha commentato l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.