Continua il braccio di ferro Orlando-Salvini dopo che il sindaco ha iscritto 4 stranieri all'anagrafe | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

il primo cittadino di Palermo "disobbediente"

Continua il braccio di ferro Orlando-Salvini dopo che il sindaco ha iscritto 4 stranieri all’anagrafe

2 Febbraio 2019

Continua la polemica a distanza fra il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e il governo nazionale in merito al decreto sicurezza e alle norme sulle iscrizioni all’anagrafe, dopo che ieri il primo cittadino ha firmato i primi provvedimenti per l’iscrizione di quattro stranieri con permesso di soggiorno in corso per motivi umanitari e come richiedenti asilo. Iscrizioni vietate, perché espressamente inibite proprio dal decreto sicurezza.

Le richieste di iscrizione erano, infatti, state ritenute “irricevibili” dall’anagrafe alla luce del decreto Salvini, ma il sindaco ha deciso di agire direttamente come “ufficiale di governo e ufficiale d’anagrafe”. Per Orlando, “è obbligo del sindaco rispettare la Costituzione e ad essa adeguare la propria attività, procedendo ad una doverosa lettura costituzionalmente corretta e sistematicamente adeguata”.

Nel frattempo all’ufficio anagrafe, proseguono i disagi dopo che diversi dipendenti si sono assentati dal lavoro per malattia. Una situazione delicata che ha spinto il dirigente ha far scattare le visite fiscali nei confronti dei dipendenti assenti per malattia.

Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Scuola, “prorogare il contratto degli insegnanti precari”

Giovanna D’Agostino è la presidente dell’Associazione “Insieme per il sostegno” di cui fanno parte centinaia di insegnanti precari. In questa intervista si fa portavoce del sentire degli insegnanti precari chiedendo al Governo Conte la proroga del contratto al 31 agosto per tutti i precari della scuola
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona