Continua il braccio di ferro Orlando-Salvini dopo che il sindaco ha iscritto 4 stranieri all'anagrafe | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

il primo cittadino di Palermo "disobbediente"

Continua il braccio di ferro Orlando-Salvini dopo che il sindaco ha iscritto 4 stranieri all’anagrafe

di
2 Febbraio 2019

Continua la polemica a distanza fra il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e il governo nazionale in merito al decreto sicurezza e alle norme sulle iscrizioni all’anagrafe, dopo che ieri il primo cittadino ha firmato i primi provvedimenti per l’iscrizione di quattro stranieri con permesso di soggiorno in corso per motivi umanitari e come richiedenti asilo. Iscrizioni vietate, perché espressamente inibite proprio dal decreto sicurezza.

Le richieste di iscrizione erano, infatti, state ritenute “irricevibili” dall’anagrafe alla luce del decreto Salvini, ma il sindaco ha deciso di agire direttamente come “ufficiale di governo e ufficiale d’anagrafe”. Per Orlando, “è obbligo del sindaco rispettare la Costituzione e ad essa adeguare la propria attività, procedendo ad una doverosa lettura costituzionalmente corretta e sistematicamente adeguata”.

Nel frattempo all’ufficio anagrafe, proseguono i disagi dopo che diversi dipendenti si sono assentati dal lavoro per malattia. Una situazione delicata che ha spinto il dirigente ha far scattare le visite fiscali nei confronti dei dipendenti assenti per malattia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.