Continua il bracconaggio in Sicilia, uccisa Aquila del Bonelli. Bandiera: "Individuare i colpevoli" :ilSicilia.it
Agrigento

"Caccia ai responsabili"

Continua il bracconaggio in Sicilia, uccisa Aquila del Bonelli. Bandiera: “Individuare i colpevoli”

8 Novembre 2019

Ennesimo episodio di bracconaggio in Sicilia: questa volta la povera vittima è un giovane esemplare di Aquila del Bonelli, ritrovato con 60 pallini in corpo nei pressi di Licata (Agrigento).

Questo raro rapace, è stato ritrovato grazie al suo microchip satellitare, in quanto individuo oggetto di monitoraggio del progetto “LIFE ConRaSi”. Questo movimento si occupa di salvaguardare e tutelare i tre importanti rapaci nidificanti in Sicilia: Aquila di Bonelli, Capovaccio e Falco Lanario. Il progetto ha come obiettivo principale quello di migliorare lo stato di conservazione in particolare dell’Aquila di Bonelli o Aquila Fasciata, poiché è un rapace presente in modo frammentario in Italia meridionale ed è sedentaria e nidificante solo in Sicilia.

Edy Bandiera“L’uccisione del giovane “Rocco” è una perdita inestimabile per il patrimonio faunistico, non solo della Sicilia, ma dell’Europa meridionale. Pertanto, si rende necessario intervenire duramente contro questi atti disumani che saranno responsabili della scomparsa definitiva di tali rapaci in Sicilia”.

Così ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura e dello sviluppo rurale, Edy Bandiera, che fa appello alle Forze dell’Ordine e alle associazioni venatorie, il cui compito è anche quello di vigilanza, affinché questo gesto, ai danni di una delle specie di grande rilievo per il mantenimento degli ecosistemi dell’Isola, non rimanga impunito.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.