Continua il bracconaggio in Sicilia, uccisa Aquila del Bonelli. Bandiera: "Individuare i colpevoli" :ilSicilia.it
Agrigento

"Caccia ai responsabili"

Continua il bracconaggio in Sicilia, uccisa Aquila del Bonelli. Bandiera: “Individuare i colpevoli”

8 Novembre 2019

Ennesimo episodio di bracconaggio in Sicilia: questa volta la povera vittima è un giovane esemplare di Aquila del Bonelli, ritrovato con 60 pallini in corpo nei pressi di Licata (Agrigento).

Questo raro rapace, è stato ritrovato grazie al suo microchip satellitare, in quanto individuo oggetto di monitoraggio del progetto “LIFE ConRaSi”. Questo movimento si occupa di salvaguardare e tutelare i tre importanti rapaci nidificanti in Sicilia: Aquila di Bonelli, Capovaccio e Falco Lanario. Il progetto ha come obiettivo principale quello di migliorare lo stato di conservazione in particolare dell’Aquila di Bonelli o Aquila Fasciata, poiché è un rapace presente in modo frammentario in Italia meridionale ed è sedentaria e nidificante solo in Sicilia.

Edy Bandiera“L’uccisione del giovane “Rocco” è una perdita inestimabile per il patrimonio faunistico, non solo della Sicilia, ma dell’Europa meridionale. Pertanto, si rende necessario intervenire duramente contro questi atti disumani che saranno responsabili della scomparsa definitiva di tali rapaci in Sicilia”.

Così ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura e dello sviluppo rurale, Edy Bandiera, che fa appello alle Forze dell’Ordine e alle associazioni venatorie, il cui compito è anche quello di vigilanza, affinché questo gesto, ai danni di una delle specie di grande rilievo per il mantenimento degli ecosistemi dell’Isola, non rimanga impunito.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03