Continua il maltempo, domani prevista allerta gialla in Sicilia :ilSicilia.it

CONTINUANO I TEMPORALI

Continua il maltempo, domani prevista allerta gialla in Sicilia

2 Settembre 2019

Il maltempo continua ad imperversare sull’Italia, in particolare sulla parte meridionale del paese. La perturbazione di origine atlantica, già attiva sulle regioni settentrionali con precipitazioni temporalesche, interesserà nel corso della prossima notte gran parte delle regioni centro-meridionali peninsulari, in particolar modo quelle del medio e basso versante adriatico.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte, alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diffuso ieri.

L’avviso prevede, dalla notte di oggi, il persistere di precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, il che ha portato ed emettere lo stato di allerta gialla su diverse regioni, fra cui la Sicilia, per rischio idraulico ed idrogeologico.

Palermo - allagamenti
Palermo – allagamenti in città

Intanto, il maltempo che sta flagellando Palermo in queste ore ha creato diversi problemi. Si sono infatti verificati allagamenti nelle borgate di Mondello e Partanna, ma anche in via Leonardo da Vinci e in strade limitrofe come la stazione ferroviaria Notarbartolo.

Disagi anche in via Imera, nella zona della Stazione centrale, in piazza Indipendenza e tra l’ospedale Civico e il Policlinico. Allagamenti anche in via Badìa, dove alcuni automobilisti, rimasti bloccati nelle proprie auto, hanno chiamato i vigili del fuoco. Problemi alla circolazione sono segnalati in via Emilia, in via Ugo La Malfa e nel sottopasso di viale Regione Siciliana. Disagi anche in provincia, a Belmonte Mezzagno.

Maltempo in arrivo: allerta meteo arancione in Sicilia

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona