Continua la lotta tra operai e la Sis per il passante ferroviario. I sindacati: "La Regione non risponde" :ilSicilia.it
Palermo

Il 21 febbraio corteo fino alla Prefettura per manifestare contro i licenziamenti

Continua la lotta tra operai e la Sis per il passante ferroviario. I sindacati: “La Regione non risponde”

di
10 Febbraio 2017

Scenderanno in piazza il 21 febbraio gli operai del passante ferroviario di Palermo. In un’assemblea stamani nel cantiere di viale Francia, dopo un dibattito accesso sul futuro della commessa e sui 200 licenziamenti che la Sis ha riprogrammato, i lavoratori hanno dato il consenso per una manifestazione con corteo da piazza Giulio Cesare fino in via Cavour, davanti alla sede della Prefettura, dove Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil chiederanno di essere ricevuti.

sis-assembleaIl fatto che l’ufficio del lavoro abbia revocato l’incontro – dicono i segretari di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Palermo Ignazio Baudo, Dino Cirivello e Francesco Piastra ha dilatato i tempi per la trattativa sindacale con l’azienda e le istituzioni. Ma il problema dei 200 licenziamenti non viene meno. Al di là degli aspetti procedurali, siamo preoccupati perché dopo la nostra lettera al ministero delle Infrastrutture e alla Regione, per una riunione congiunta, nessuno ha ancora risposto”.

I sindacati avevano annunciato una manifestazione per oggi, ma come detto, è slittata al 21. Secondo Feneal Filca e Fillea il numero del personale è congruo e una ulteriore riduzione non trova riscontro con le reali esigenze produttive del cantiere. Una dichiarazione suffragata anche dalle dichiarazioni di Rfi, l’ente appaltante, che in una nota diramata il 27 gennaio 2017 ha giudicato “inaccettabile” il ricorso ai licenziamenti da parte della Sis a fronte dell’esigenza di continuare e ultimare i lavori della commessa. L’opera infatti è all’80%.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin