Continuità territoriale e insularità: le commissioni Ars IV, UE e Statuto al fianco del governo Musumeci :ilSicilia.it

Le dichiarazioni dei tre presidenti

Continuità territoriale e insularità: le commissioni Ars IV, UE e Statuto al fianco del governo Musumeci

di
3 Dicembre 2019

La strategia è introdurre un tetto massimo al costo dei biglietti, dobbiamo garantire il diritto dei siciliani ad essere isolani e non isolati”, a parlare i presidenti delle commissioni IV, UE e Statuto, Savarino, Compagnone e Amata.

Il presidente Musumeci è in attesa dell’ok da Roma per avviare la continuità territoriale anche per gli aeroporti di Palermo e Catania”, a parlare è Giusi Savarino, presidente della IV commissione che prosegue “il riconoscimento dei famosi oneri di servizio pubblico, condizione necessaria per ottenere la continuità territoriale, parte dall’avvio di una conferenza di servizi ad opera del Presidente della Regione che deve essere, però, delegato dal ministro ai trasporti. Al momento si attende, quindi,  la delega dal ministro De Micheli. In questa legislatura abbiamo già ottenuto la continuità territoriale per gli scali di Comiso e Birgi, dai quali mi onoro di comunicare che a breve sarà possibile volare su diversi scali minori e su Roma e Milano rispettivamente con 120 e 140 euro a/r”.

Oggi abbiamo anche sottolineato l’esistenza di costi palesi ed occulti dell’insularità a carico dei siciliani. Il tema oggi non è solo accendere un faro sulla lievitazione dei costi dei biglietti di aerei, autobus e treni che soprattutto nei periodi di maggiore traffico come Natale e Pasqua, aumentano esponenzialmente, l’impegno è quello di fare emergere il peso economico dell’insularità che grava nella vita quotidiana dei siciliani e porvi rimedio”.

Il tema della continuità territoriale è all’ordine del giorno sia a Bruxelles, che a Roma che in Ars. Grazie a questa sinergia trasversale tra le Commissioni, entro questa legislatura, otterremo questo importante risultato, come tra l’altro già avviene per i cittadini Francesi e Irlandesi. La Commissione UE da me Presieduta, giorno 9 dicembre, sarà a Bruxelles proprio per far valere le nostre ragioni e perora la causa!” afferma la Compagnone.

La condizione di insularità della Sicilia è un minus riconosciuto anche dall’Unione Europea. Non possiamo assolutamente consentire che la continuità territoriale, che andrebbe garantita indistintamente a tutti nel nostro Paese, rimanga lettera morta o spot buono solo in campagna elettorale. Il dato emerso oggi in Commissione è davvero allarmante. La battaglia trasversale che abbiamo il dovere di portare avanti è l’ottenimento, nei fatti, della nostra insularità e di quella delle nostre isole minori“, dice Elvira Amata.

I presidenti concludono “a breve, per rafforzare l’azione del governo e coinvolgere tutte le forze politiche, porteremo in  aula  un testo condiviso“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin