Contratti "pirata" nel commercio a Taormina: il caso finisce alla Prefettura di Messina :ilSicilia.it
Messina

la Fisascat Cisl rilancia l'allarme dumping

Contratti “pirata” nel commercio a Taormina: il caso finisce alla Prefettura di Messina

6 Settembre 2019

Arriva in Prefettura la problematica del dumping contrattuale nel settore turismo e commercio a Taormina e nel comprensorio ionico. La Fisascat Cisl vuole una stretta sui “contratti pirata” e annuncia infatti di voler informare il Prefetto di Messina circa i casi sempre più frequenti di applicazione ai lavoratori di altri contratti, non sottoscritti dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative e che penalizzano in termini retributivi e contributivi i lavoratori.

Abbiamo segnalato all’Ispettorato del Lavoro le anomalie riscontrateafferma Salvatore D’Agostino, segretario generale della Fisascat CIsl Messina -, e risulta a tal proposito che siano già in corso degli accertamenti nel territorio di questo comprensorio turistico. Siamo ora intenzionati a portare la questione anche all’attenzione del Prefetto. Chiederemo dei controlli mirati agli organi ispettivi al fine di appurare se nel mese di agosto appena trascorso il personale del settore commercio e pubblici esercizi abbia avuto delle giornate di riposo e quali orari abbia svolto, e se sia stato applicato quindi il contratto collettivo nazionale di lavoro sottoscritto dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. Occorre, altresì, controllare se il personale abbia usufruito del riposo di legge e del riposo compensativo visto l’accumulo di ore lavorative effettuate. E se le prestazioni straordinarie siano state corrisposte”.

Pancrazio Di Leo e Salvatore D'Agostino
Pancrazio Di Leo e Salvatore D’Agostino

“Chiediamo di verificare – continua D’Agostino – in merito all’applicazione del salario se siano stati corrisposti tutti gli oneri accessori e le relative maggiorazioni contrattuali previste per evitare eventuali casi di evasione fiscale e contributivo ed al fine di contrastare l’eventuale riduzione di versamenti e quindi un minor gettito per l’addizionale comunale e regionale ad enti locali e Regione. Ricordiamo, inoltre, che le mancate corresponsioni delle prestazioni di lavoro straordinario e di riposi compensativi e di legge potrebbero essere considerate prestazioni di lavoro nero”.

Il 30% di lavoratori del commercio, pubblici esercizi, ristorazione collettiva conclude D’Agostino a fronte di contratti part-time risulta svolgere un monte orario superiore a quanto previsto e sottoscritto. C’è chi inizia alle 10 del mattino e chiude a tarda sera, alle 23 o anche oltre mezzanotte, sempre con lo stesso organico. Quindi vogliamo sapere: come viene gestito a Taormina e nel comprensorio ionico il tutto con doppi e tripli turni? A tal proposito la Fisascat Cisl Messina ha già interessato la segreteria regionale, nelle persone del segretario generale Mimma Calabrò e del segretario regionale aggiunto Pancrazio Di Leo, per chiedere un incontro urgente agli assessori regionali al Turismo e al Lavoro, affinché anche la Regione si faccia carico del problema. 

Le decurtazioni contrattuali – afferma Pancrazio Di Leo – penalizzano la sopravvivenza dei lavoratori e delle proprie famiglie in vista dei mesi invernali, visto che avranno percepito somme inferiori dal punto di visto contributivo e salariale. Il vero problema sono le aziende che fanno concorrenza sleale a chi applica regolarmente il contratto collettivo nazionale e con la riduzione dei compensi ai lavoratori li costringe a percepire poi un indennizzo Naspi inferiore, spingendoli alla drammatica condizione economica e sociale della fame nei mesi invernali”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.