Contratti "pirata" nel commercio a Taormina: il caso finisce alla Prefettura di Messina :ilSicilia.it
Messina

la Fisascat Cisl rilancia l'allarme dumping

Contratti “pirata” nel commercio a Taormina: il caso finisce alla Prefettura di Messina

di
6 Settembre 2019

Arriva in Prefettura la problematica del dumping contrattuale nel settore turismo e commercio a Taormina e nel comprensorio ionico. La Fisascat Cisl vuole una stretta sui “contratti pirata” e annuncia infatti di voler informare il Prefetto di Messina circa i casi sempre più frequenti di applicazione ai lavoratori di altri contratti, non sottoscritti dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative e che penalizzano in termini retributivi e contributivi i lavoratori.

Abbiamo segnalato all’Ispettorato del Lavoro le anomalie riscontrateafferma Salvatore D’Agostino, segretario generale della Fisascat CIsl Messina -, e risulta a tal proposito che siano già in corso degli accertamenti nel territorio di questo comprensorio turistico. Siamo ora intenzionati a portare la questione anche all’attenzione del Prefetto. Chiederemo dei controlli mirati agli organi ispettivi al fine di appurare se nel mese di agosto appena trascorso il personale del settore commercio e pubblici esercizi abbia avuto delle giornate di riposo e quali orari abbia svolto, e se sia stato applicato quindi il contratto collettivo nazionale di lavoro sottoscritto dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. Occorre, altresì, controllare se il personale abbia usufruito del riposo di legge e del riposo compensativo visto l’accumulo di ore lavorative effettuate. E se le prestazioni straordinarie siano state corrisposte”.

Pancrazio Di Leo e Salvatore D'Agostino
Pancrazio Di Leo e Salvatore D’Agostino

“Chiediamo di verificare – continua D’Agostino – in merito all’applicazione del salario se siano stati corrisposti tutti gli oneri accessori e le relative maggiorazioni contrattuali previste per evitare eventuali casi di evasione fiscale e contributivo ed al fine di contrastare l’eventuale riduzione di versamenti e quindi un minor gettito per l’addizionale comunale e regionale ad enti locali e Regione. Ricordiamo, inoltre, che le mancate corresponsioni delle prestazioni di lavoro straordinario e di riposi compensativi e di legge potrebbero essere considerate prestazioni di lavoro nero”.

Il 30% di lavoratori del commercio, pubblici esercizi, ristorazione collettiva conclude D’Agostino a fronte di contratti part-time risulta svolgere un monte orario superiore a quanto previsto e sottoscritto. C’è chi inizia alle 10 del mattino e chiude a tarda sera, alle 23 o anche oltre mezzanotte, sempre con lo stesso organico. Quindi vogliamo sapere: come viene gestito a Taormina e nel comprensorio ionico il tutto con doppi e tripli turni? A tal proposito la Fisascat Cisl Messina ha già interessato la segreteria regionale, nelle persone del segretario generale Mimma Calabrò e del segretario regionale aggiunto Pancrazio Di Leo, per chiedere un incontro urgente agli assessori regionali al Turismo e al Lavoro, affinché anche la Regione si faccia carico del problema. 

Le decurtazioni contrattuali – afferma Pancrazio Di Leo – penalizzano la sopravvivenza dei lavoratori e delle proprie famiglie in vista dei mesi invernali, visto che avranno percepito somme inferiori dal punto di visto contributivo e salariale. Il vero problema sono le aziende che fanno concorrenza sleale a chi applica regolarmente il contratto collettivo nazionale e con la riduzione dei compensi ai lavoratori li costringe a percepire poi un indennizzo Naspi inferiore, spingendoli alla drammatica condizione economica e sociale della fame nei mesi invernali”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.