Contratto regionali: "Siamo esasperati", sindacati sul piede di guerra :ilSicilia.it

Il 30 maggio in piazza

Contratto regionali: “Siamo esasperati”, sindacati sul piede di guerra

14 Maggio 2018

I sindacati dei regionali tornano alla carica contro il governo Musumeci colpevole di non adottare le azioni necessarie per il rinnovo dei contratti, di aver diviso il fronte dei dipendenti con provvedimenti discutibili e di aver stoppato l’erogazione del saldo Famp 2017. Per questo i lavoratori aderenti a Cobas Codir, Sadirs, Siad e Ugl-Fna scenderanno in piazza a Palermo, davanti Palazzo d’Orleans, mercoledì 30 maggio, e a Catania in via Beato Bernardo, davanti la segreteria della Presidenza della Regione Siciliana.

“I regionali sono ormai esasperati – si legge in una nota delle segreterie generali – dopo le iniziali promesse anche il governo Musumeci ha gettato la maschera varando in Finanziaria norme parziali sul personale sapendo di essere a concreto rischio impugnativa da parte dello Stato, con l’effetto di scatenare una guerra tra poveri secondo la logica del divide et impera. Dopo ben sei mesi di indifferenza mostrata dall’esecutivo verso le esigenze dell’amministrazione, si scopre ora quanto abbia realmente a cuore il necessario processo motivazionale del personale per favorire la modernizzazione della macchina burocratica nell’interesse dei cittadini”. 

Non usano giri di parole e denunciano i vizi della vecchia politica. “A Palazzo dei Normanni abbiamo assistito al solito teatrino della politica, assieme a un nuovo assalto alla diligenza sono state favorite norme ad personam o per parentele illustri e nuove immissioni negli uffici, mortificando le aspettative di tutti i dipendenti”. 

In particolare Cobas Codir, Sadirs, Siad e Ugl-Fna puntano il dito contro l’assessore alla Funzione pubblica, Bernadette Grasso “che rivela sulla stampa gli accantonamenti stanziati per i rinnovi contrattuali sapendo che quelle stesse somme non potranno essere erogate fino a quando non verranno emanate le direttive di governo che contemplino le richieste di riclassificazione avanzate dai sindacati autonomi e soprattutto fino a quando non verranno nominati i vertici dell’Aran Sicilia, un commissario straordinario o ad acta, posti ancora oggi vacanti e indispensabili per legge per avviare il tavolo trattante sui rinnovi economici e giuridici del comparto e della dirigenza”.

Infine gli autonomi segnalano anche “il vergognoso blocco del pagamento del saldo Famp 2017 per delle astrusità burocratiche che vorrebbero sostanzialmente i dipendenti giudicati due volte per lo stesso lavoro”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.