Controlli su ville e spiagge, a Palermo impiegati percettori del reddito di cittadinanza :ilSicilia.it
Palermo

12.500 percettori

Controlli su ville e spiagge, a Palermo impiegati percettori del reddito di cittadinanza

di
26 Maggio 2020

Circa 12.500 percettori del Reddito di cittadinanza verranno impiegati dal Comune di Palermo nella gestione dei mercatini, delle spiagge, delle aree verdi, in interventi straordinari di pulizia “leggera” delle strade, nei musei e negli spazi culturali.

A seguito del lockdown, sono stati sbloccati dal ministero del Lavoro i Progetti utili alla collettività (Puc) che erano pronti a partire da febbraio. I beneficiarie del Reddito di cittadinanza saranno messi a lavorare dalle 8 alle 16 ore settimanali.

l Comune provvederà a pubblicare un avviso per gli enti privati, del volontariato e dell’associazionismo che vogliano introdurli nei loro progetti. Le spese saranno foraggiate da una parte del Fondo di contrasto alla Povertà nazionale che per Palermo ammonta a 7 milioni di euro. La conferma arriva proprio da Leoluca Orlando:

Un modo per intervenire ancora una volta in materia di sicurezza in città – dichiara il primo cittadino Leoluca Orlando -. Sicurezza intesa come garanzia di servizi ai cittadini e miglioramento della vivibilità su diversi fronti. Contiamo in un ampio coinvolgimento anche di altri enti pubblici e del privato sociale che mettano a frutto la disponibilità di migliaia di persone che rappresentano una grande risorsa per la nostra comunità”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.