Convention Diventerà Bellissima: "Indispensabile federarsi con un partito nazionale" | VIDEO :ilSicilia.it

l'intervista ai deputati aricò e savarino

Convention Diventerà Bellissima: “Indispensabile federarsi con un partito nazionale” | VIDEO

di
4 Luglio 2020

GUARDA VIDEO IN ALTO

I deputati di punta del gruppo parlamentare di Diventerà Bellissima, Alessandro Aricò e Giusi Savarino, tirano le somme in merito al giro di boa di questa legislatura targata Musumeci. Decidono di farlo proprio durante la convention a Cefalù in cui erano presenti numerosi personaggi politici ed amministratori del partito del governatore Nello Musumeci.

GIUSI SAVARINO

Abbiamo organizzato questa convention perché siamo al giro di boa ed era giusto tirare le somme. Ci sono amici che vengono da tutta la Sicilia ed era giusto incontrarli. Ci volevamo vedere. Questo presuppone una comunità che cresce sempre di più. Tanti non erano tesserati con noi. Tanti  anche gli amministratori e simpatizzanti. Ciò vuol dire che qualcosa di buono la stiamo trasmettendo. Non possiamo che valutare con uno dei tre partiti nazionali che compongono la maggioranza di governo“.

Inoltre Aricò dal palco aggiunge: “Dobbiamo pensare alla ripresa economica, infrastrutture e una compagnia aerea siciliana. In questi mesi si è parlato di autosufficienza sanitaria. Quando si parlava di mascherine e guanti il presidente e l’assessore Razza sono volati a Pittsburg trovando carichi che hanno rifornito i nostri ospedali. Io penso che Zingaretti stia ancora cercando da chi comprare le mascherine”.

Della stessa linea di pensiero la Savarino che afferma: “Il nostro movimento ha un grande radicamento sul territorio e vogliamo rafforzarlo. Creare delle sinergie con un partito nazionale è indispensabile. Avere un rapporto forte con esso ci permetterebbe di avere voce a Roma. Per esempio sul tema immigrati e sbarchi fantasma. Abbiamo bisogno che qualcuno dica a Roma di prendere delle adeguate precauzioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.