Convenzione stadio Renzo Barbera: il Palermo dovrà attendere, tutto rinviato al 21 luglio :ilSicilia.it
Palermo

IL TEMPO STRINGE

Convenzione stadio Renzo Barbera: il Palermo dovrà attendere, tutto rinviato al 21 luglio

di
17 Luglio 2020

Il Palermo calcio dovrà ancora attendere per vedere districata la questione riguardante lo stadio Renzo Barbera.

Oggi infatti dovevano partire i lavori d’aula in consiglio comunale per potere lavorare alla nuova convenzione per l’impianto sportivo. Ma, a causa dell’assenza del sindaco Leoluca Orlando, causa problemi legati alle vicende delle ultime ore, i membri dell’opposizione hanno chiesto ed ottenuto un rinvio a martedì 21 luglio. Questo perchè gli esponenti politici preferiscono discutere della questione alla presenza del primo cittadino.

Intanto, uno degli uomini dell’amministrazioni più impegnati su questo fronte, Roberto D’Agostino, ha presentato nella giornata di ieri le sue dimissioni. Una decisione che pesa sull’economia di una trattativa difficile e da consumarsi in tempi brevi.

DOCUMENTI DA CONSEGNARE ENTRO IL 27 LUGLIO

L’FC Palermo, questo il nome scelto da Dario Mirri per far fronte al cambio di denominazione societaria imposto dai regolamenti federali, deve infatti consegnare tutta la documentazione entro e non oltre il 27 luglio.

L’atto, come già ricordato in altre occasioni, rappresenta un passaggio propedeutico per l’iscrizioni al campionato. Nei giorni scorsi, qualche passo in avanti è stato fatto, leggasi la possibilità, da parte del Comune, di sponsorizzare il club rosanero per la prossima stagione. Tuttavia, rimangono ancora alcuni nodi da sciogliere.

Intanto, l’FC Palermo si prepara al suo “primo evento”. Oggi pomeriggio infatti si terrà la presentazione di un progetto di collaborazione nato tra i giocatori del Palermo e la Caritas. I calciatori hanno infatti rinunciato al loro premio promozione, per donarlo a chi ne ha più bisogno.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.