Convenzione stadio Renzo Barbera: il testo torna in aula, nodo sulla pubblicità :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

SARà UNA SEDUTA DI FUOCO

Convenzione stadio Renzo Barbera: il testo torna in aula, nodo sulla pubblicità

di
24 Luglio 2020

La convenzione dello stadio Renzo Barbera continua a tenere banco in Consiglio Comunale.

Si lavora infatti da ore a quello che dovrebbe essere il testo definitivo dell’atto che andrà a disciplinare i rapporti fra la FC Palermo e l’amministrazione. Una quadra difficile da ricercare, con dei tempi che diventano sempre più stretti a causa delle scadenze federali. A complicare le cose sono anche i tantissimi emendamenti presentati da maggioranza ed opposizione, per limare il testo in alcune parti nevralgiche.

I CONTENUTI DELLA CONCESSIONE

La convenzione riguarderà un periodo di tempo fissato in sei anni. La capienza massima dello stadio Renzo Barbera viene fissata in 36.349 posti a sedere, di cui 60 dovrebbero essere destinati alle autorità comunali.

La cifra stabilita per la concessione rimane quella di 341.150 euro, anche se si stanno valutando soluzioni per decurtare la cifra richiesta.

Sull’argomento è intervenuta anche il Settore “Risorse Immobiliari” del comune di Palermo. Nella proposta deliberativa inoltrata a tutte le parti interessate, viene sottolineato che “la società calcistica risulta espressione della collettività sociale“. Pertanto, viene dato mandato di adottare “misure effettive di esenzione o riduzione di canoni di utilizzo dovuti da operatori economici per l’uso di impianti sportivi“. Pare tramontata invece la soluzione della sponsorizzazione da parte del comune di Palermo.

A tali questioni si aggiungono inoltre quelle relative al pagamento del canone della stagione 2019-2020. Stando a quanto riportato nell’attuale testo della convenzione, vengono richieste all’FC Palermo garanzie relative al pagamento di quanto dovuto fino al 30/03/2020. Sul periodo immediatamente successivo intervengono gli effetti del decreto Cura Italia.

IL NODO PUBBLICITÀ

Il tema caldo della questione rimane comunque l’aspetto degli spazi pubblicitari.

Come viene riportato nell’art.15 dell’attuale testo della convenzione, “la SSD Palermo potrà dotare l’impianto di impianti pubblicitari. Dovrà rispettare le disposizioni vigenti in materia e le norme previste dal vigente “Regolamento relativo all’ imposta comunale sulla pubblicità”. La società, previo pagamento degli oneri, potra così introitare:

  • i proventi della pubblicità di ogni genere effettuata negli spazi oggetto della concessione nel rispetto delle modalità e dei tempi di fruizione degli stessi.
  • i proventi dall’installazione di banchi di vendita per la ristorazione del pubblico.

Una tipizzazione che, come sottolineato dall’Aspes e dalla consigliera comunale del Movimento 5 Stelle Viviana Lo Monaco, non differenzia la pubblicità interna da quella esterna. Sulla questione, proprio la rappresentante pentastellata ha presentato due emendamenti che saranno discussi dall’aula.

Nel primo la Lo Monaco chiede di inserire la dicitura “con esclusivo riferimento all’area interna dell’impianto sportivo“, per limitare il raggio d’azione della norma. Mentre con il secondo si punta ad aggiungere all’art. 15 che “tutti gli spazi pubblicitari collocati all’esterno dello Stadio Renzo Barbera, visibili dalle pubbliche vie, restano soggetti alle norme previste dal Regolamento Comunale sulla Pubblicità e sulle pubbliche affissioni. Pertanto potranno essere assegnati esclusivamente a seguito di gara pubblica, previa acquisizione di tutti i parei di competenza”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco