Convenzione tra le Università di Messina e Catania per un Master in Diritto delle P.A. :ilSicilia.it
Catania

patto per la formazione e la ricerca

Convenzione tra le Università di Messina e Catania per un Master in Diritto delle P.A.

di
19 Marzo 2021

Gli atenei di Messina e Catania rafforzano la sinergia nel campo delle formazione e della ricerca, per migliorare lo sviluppo dei territori della Sicilia orientale e offrire nuovi servizi ai giovani, e l’ulteriore riprova di questa condivisione strategica di intenti è una convenzione firmata nelle scorse ore per l’attuazione di un master in Diritto delle Pubbliche Amministrazioni. “Una collaborazione importante per la crescita dei nostri giovani e dei nostri territori” hanno detto i rettori Francesco Priolo e Salvatore Cuzzocrea nel corso della ratifica della convenzione.

Il patto di programma è stato sancito nel corso dell’incontro nell’aula magna del Palazzo centrale dell’Università di Catania in occasione della firma della convenzione che prevede l’attuazione del master di II livello in “Diritto delle Pubbliche Amministrazioni”.  La convenzione è stata sottoscritta dai rettori Francesco Priolo e Salvatore Cuzzocrea delle università di Catania e Messina alla presenza del prorettore e direttore generale dell’ateneo catanese, Vania Patanè e Giovanni La Via, e del prorettore vicario messinese, Giovanni Moschella.

“L’incontro per questa convenzione testimonia la collaborazione che i due atenei hanno instaurato da tempo e che rafforzano per offrire nuovi e migliori servizi per i nostri giovani e per i territori della Sicilia orientale – ha spiegato il rettore dell’Università di Catania, Francesco Priolo –. La firma della convenzione, quindi, rappresenta un segnale forte del lavoro comune che i due atenei congiuntamente stanno portando avanti in tanti settori della formazione e ricerca, anche in sede Crui, e nel campo delle scuole di specializzazione di area medica”.

Sulla stessa linea anche il rettore dell’Università di Messina, Salvatore Cuzzocrea, che ha evidenziato “la sinergia dei due atenei per raggiungere obiettivi importanti per i nostri giovani e i territori interessati nel campo della formazione e della ricerca così come dimostrato ampiamente anche durante la pandemia”. Le due università implementano, quindi, il loro rapporto di amicizia e di crescita comune con la stipula di una convenzione che prevede lo svolgimento in collaborazione del Master in Diritto delle Pubbliche Amministrazioni, già da diversi anni attivato con successo al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’ateneo catanese con l’obiettivo di accrescerne ulteriormente la funzione ed il ruolo nella formazione e nel perfezionamento post laurea» ha aggiunto il rettore messinese che, nel ringraziare i direttori dei rispettivi dipartimenti di Scienze Politiche, promotori dell’iniziativa, ha evidenziato «il raggiungimento di risultati all’altezza delle attese grazie al master”.

Sul corso post-laurea si sono soffermati il prof. Giuseppe Vecchio, direttore del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Catania, e il prof. Fabrizio Tigano dell’Università di Messina, direttore del master, alla presenza del prof. Felice Giuffrè dell’ateneo catanese.

“Il master permetterà ai partecipanti di aggiornare le loro conoscenze sulla pubblica amministrazione con le nuove indicazioni ministeriali valorizzando una formazione specifica necessaria per un futuro corpo amministrativo moderno e competente – hanno spiegato i docenti Giuseppe Vecchio e Fabrizio Tigano -. Un master destinato quindi al personale delle pubbliche amministrazioni regionali e degli enti locali oltre che degli atenei con l’obiettivo di migliorare la crescita e la formazione dei nostri giovani”.

L’Università di Catania in qualità di capofila del progetto, oltre alla promozione del corso della durata annuale (1500 ore), si occuperà dell’organizzazione e gestione tecnico-amministrativa del corso. È stato istituito, inoltre, un Consiglio scientifico del master composto da undici docenti di entrambi gli atenei che si occuperà dell’organizzazione scientifica e didattica del corso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin