12 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.46
Catania

l'appuntamento il 14 gennaio

Conversazioni sul populismo: due incontri con Marco Tarchi a Catania e Messina

7 Gennaio 2019

Lunedì 14 gennaio alle 17 si terrà presso l’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università degli Studi di Catania un incontro/convegno intitolato “Conversazione sul populismo” promosso da Naxoslegge e dal Dsps UniCt. Il tema, di stringente attualità, vedrà la presenza di studiosi del fenomeno, all’interno un confronto multidisciplinare sull’argomento, per metterne in risalto i molteplici aspetti e le numerose chiavi di lettura a riguardo.

I saluti saranno affidati ai docenti Giuseppe Vecchio, direttore del Dsps UniCt, Fabrizio Sciacca, coordinatore del dottorato in Scienze Politiche UniCt e a Fulvia Toscano, direttrice artistica di Naxoslegge.

Il dibattito prenderà spunto da due recenti pubblicazioni legate al fenomeno: “Italia Populista” (Il Mulino, 2018) di Marco Tarchi e “Populismi contemporanei” (Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, 2015’ di Sara Gentile. Interverranno il professor Felice Giuffrè, ordinario di Diritto costituzionale UniCt, la professoressa Sara Gentile, associato di Scienza Politica UniCt e professeur invité al CEVIPOF di Sciences Po di Parigi e il professor Marco Tarchi, ordinario di Scienza Politica presso l’Università degli studi di Firenze. L’incontro sarà moderato da Andrea Giuseppe Cerra, dottorando di ricerca in Scienze Politiche UniCt.

Giorno 15 sarà la volta di Messina dove, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze politiche e giuridiche dell’ Università di Messina e con le Associazioni “Città ‘plurale” e ” Morgana”, alle17 nell’Aula Buccisano, il professor Tarchi presenterà il suo “Italia populista”. Interverrà il professor Dario Caroniti e condurranno i lavori Andrea Cerra e Fulvia Toscano.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.