Convocazione commissione Ars su Anas, l'Ugl: "Inaccettabile esclusione ai lavori" :ilSicilia.it
Palermo

Dichiarazione del segretario regionale

Convocazione commissione Ars su Anas, l’Ugl: “Inaccettabile esclusione ai lavori”

di
22 Gennaio 2020

Prendiamo atto dell’iniziativa del Presidente della Commissione Trasporti dell’Ars, Giusy Savarino, di invitare in audizione il sottosegretario di Stato per le infrastrutture e i trasporti, l’Assessore regionale per le infrastrutture e la mobilità e del Direttore regionale di ANAS in merito alla rete viaria regionale, con particolare riferimento alle criticità nelle tratte Palermo-Agrigento, Agrigento-Caltanissetta, A19, del viadotto Himera e del ponte Morandi di Agrigento ed alla continuità territoriale e con stupore denunciamo la mancata presenza dell’Ugl a questo importante confronto sul sistema infrastrutturale in Sicilia”.

A dichiararlo il segretario regionale dell’Ugl, Giuseppe Messina, il quale aggiunge:”Ciò che ci stupisce è che per un mero quanto banale ed irrilevante aspetto burocratico, il sindacato confederale Ugl non debba partecipare alla seduta della IV Commissione parlamentare causando una chiara discriminazione verso una delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative in Sicilia e sul territorio nazionale, soprattutto e non solo nel vasto settore dei trasporti e della viabilità”.

E’ un atto inaccettabile ed irriguardoso nei riguardi dell’Ugl – tuona Messina – che lede sacri principi costituzionali e di corrette relazioni  istituzionali tra parte del Parlamento siciliano e corpo intermedio e per tale ragione chiediamo l’intervento del Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, per ripristinare legalità ed il principio democratico di eguale partecipazione di tutte le organizzazioni sindacali in Sicilia alle iniziative avviate dalle istituzioni sia parlamentari che governative”.

Il segretario dell’Ugl siciliana conclude evidenziando che ”sotto l’alea della burocrazia la Sicilia rischia di soffocare ed affondare definitivamente e non possiamo permettercelo, così come è irricevibile l’estromissione di una Organizzazione sindacale come l’Ugl ad un appuntamento pubblico e ad un confronto sul delicatissimo tema delle carenze infrastrutturali in Sicilia; argomento per il quale il sindacato, che quest’anno celebra i settant’anni dalla nascita, attraverso il segretario generale, Paolo Capone, per il profilo nazionale e la squadra dei dirigenti sindacali apicali siciliani per l’Isola, ha messo in campo energie e iniziative per richiamare l’attenzione di tutte le istituzioni ad ogni livello per sanare l’inaccettabile gap infrastrutturale con il resto del Paese, le cui responsabilità, guardando al recente passato, toccano anche alcuni degli interlocutori che oggi sono in prima fila a battersi il pugno sul petto”.

*AGGIORNAMENTO*

Dagli uffici della commissione fanno sapere che “nessuna richiesta di partecipazione all’audizione tenutasi dalla commissione territorio e ambiente è giunta dall’Ugl, le richieste di audizione che provengono da enti e sindacati, vengono generalmente accolte e incluse nelle audizioni“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin