Coordinamento provinciale Diventerà Bellissima: "A Carini nessuna convergenza sul candidato Sgroi" :ilSicilia.it
Palermo

la nota

Coordinamento provinciale Diventerà Bellissima: “A Carini nessuna convergenza sul candidato Sgroi”

di
10 Luglio 2020

Riceviamo e pubblichiamo la nota del coordinamento provinciale di Diventerà Bellissima in merito alle elezioni amministrative palermitane:

“In merito ad un vostro articolo sulle comunali d’autunno reso pubblico in mattinata, mi preme rettificare quanto riportato relativamente a Carini: non vi è nessuna convergenza del centrodestra sul candidato Salvatore Sgroi, che al momento parrebbe sostenuto da Italia Viva e da singole personalità riferibili al centrodestra. Il tavolo dei coordinatori provinciali tenutosi nella giornata di ieri non ha, dunque, chiuso l’accordo unitario sul candidato Sgroi. È vero, invece, quanto nello stesso articolo affermato e cioè che la coalizione vuole correre compatta quanto più possibile nei grossi centri urbani. Non è dunque messa in discussione a Carini la candidatura a Sindaco di Luca Tantino”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Amministrative: grandi manovre nel centrodestra per scegliere i candidati sindaco nel Palermitano

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin