Coppa America, New Zealand vince gare 7 e 8. Spithill di Luna Rossa: "Domani saremo più forti che mai" :ilSicilia.it
Banner Bibo

beffata dal vento

Coppa America, New Zealand vince gare 7 e 8. Spithill di Luna Rossa: “Domani saremo più forti che mai”

di
15 Marzo 2021

New Zealand ha vinto anche l’ottava regata di finale della 36/ America’s Cup e ora conduce 5-3 su Luna Rossa. La barca italiana aveva acquisito un vantaggio notevole (4’08” dopo il secondo gate), sfruttando una caduta sui foil di ‘Te Rehutai’ che si è letteralmente fermata.

Il calo del vento, sceso fino a 7 nodi, ha finito per penalizzare anche il team di Max Sirena, che ha perso tantissimo. La giuria, proprio per il vistoso calo della brezza, ha eliminato un lato, accorciando il percorso della regata da sei a cinque. Luna Rossa ha pure pagato una doppia penalità per avere oltrepassato il boundary. All’arrivo di 3’55” il distacco.

“Siamo caduti dal foil, a un certo punto della regata, siamo usciti al largo per ritrovare pressione, ma non siamo riusciti a risalire. Abbiamo fatto delle buone cose, sappiamo che si può vincere e domani saremo più forti che mai. Anche loro hanno avuto i nostri stessi problemi per un buco di vento“. E’ il commento di ‘Jimmy’ Spithill, timoniere di Luna Rossa, dopo la seconda sconfitta di giornata della barca italiana.

La vittoria non è mai sicura, soprattutto con condizioni di vento così difficili e instabili. Abbiamo offerto prestazioni abbastanza buone fino a quando non siamo caduti dai foil e siamo rimasti bloccati in alto, cercando di navigare solo per trovare abbastanza pressione – ha aggiunto Spithill, in conferenza stampa – quello che ci è accaduto oggi può capitare a tutti: la stessa cosa era successa poco prima ai nostri avversari. Abbiamo fatto bene alcune cose, ma ci sono altre situazioni che dobbiamo riordinare, perché vogliamo capire bene alcuni aspetti”. ù

“Sappiamo di poter vincere le regate – ha assicurato – la nostra squadra ha già affrontato situazioni difficili”. Basterà per avere ragione dei maestri del match race?”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco