Corleone, muore giovane operaio al lavoro sulla rete elettrica :ilSicilia.it
Palermo

Sotto shock il paese

Corleone, muore giovane operaio al lavoro sulla rete elettrica

8 Febbraio 2019

“Un lavoratore di 26 anni, di una ditta appaltatrice, che operava sulla rete elettrica a Corleone, per conto della società E-Distribuzione di Enel, a seguito di un gravissimo incidente, avvenuto questo pomeriggio, è purtroppo deceduto”. Ne danno notizia il segretario generale della Filctem Cgil Gabriella Messina e il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo.

Gli operai stavano stavano lavorando ai pali della luce. “Occorre arrestare gli incidenti e le morti sul lavoro – dicono i due segretari –  Il tema della sicurezza in genere, e in particolare nel modo degli appalti, va affrontato in  maniera seria e strutturale. I committenti hanno il dovere di controllare ed estendere i medesimi standard di sicurezza regolati da normative  interne anche alle ditte appaltatrici. Esprimiamo tutto il nostro cordoglio alla famiglia dell’operaio decedeuto e chiediamo che siano chiarite al più presto le modalità di quest’ennesima tragica morte sul lavoro. La categoria chiede di  aprire con l’azienda e con le aziende del settore una discussione sui temi della sicurezza”.

morti sul lavoroL’incidente è avvenuto in contrada Sammarco, nella zona di edilizia popolare. I carabinieri sono sul posto, in corso gli accertamenti sulla dinamica.

Per il ragazzo non c’è stato nulla da fare. Sotto shock il paese.

La Camera del lavoro di Corleone si stringe alla famiglia del giovane lavoratore morto oggi sul lavoro nella zona di San Marco. Quanto accaduto – dice il segretario della Cgil di Corleone Cosimo Lo Sciuto –  lascia la comunità di Corleone nel dolore. Non passa giorno senza vittime sul lavoro. Non possiamo continuare a contare i morti, senza gridare a gran forza che il tema della sicurezza deve essere di fondamentale importanza per tutti, indistintamente. Chiediamo che sull’accaduto venga fatta chiarezza al più presto”.

Non si può ancora nel 2019 morire a causa di un incidente sul lavoro, bisogna alzare la guardia sulla sicurezza, perché episodi così gravi purtroppo hanno ancora una incidenza troppo alta”. Aggiungono Leonardo La Piana segretario Cisl Palermo Trapani e Carlo Santodonato responsabile di Presidio Flaei Cisl Palermo Trapani commentano la notizia dell’ennesimo incidente sul lavoro nel corleonese. “Le indagini chiariranno meglio la dinamica, siamo vicini ai colleghi del giovane e soprattutto alla sua famiglia. Bisogna dare maggiore centralità al tema della sicurezza sul lavoro, serve maggiore impegno affinché questi episodi non si verifichino mai più” concludono La Piana e Santodonato.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.