Coronavirus: 132 i malati, si ferma il campionato di calcio, scuole e università chiuse :ilSicilia.it

misure straordinarie nelle zone colpite

Coronavirus: 132 i malati, si ferma il campionato di calcio, scuole e università chiuse

di
23 Febbraio 2020

Aumentano i casi di contagio da coronavirus in Italia. I pazienti risultati positivi superano i cento. “26 di queste sono in terapia intensiva” ha dichiarato il commissario Angelo Borrelli facendo un punto con i cronisti sull’emergenza.

89 sono i malati in Lombardia,  25 in Veneto, 2 in Emilia Romagna e Lazio, e una persona positiva in Piemonte. 

Intanto i governatori del Veneto Luca Zaia e della Lombardia Attilio Fontana hanno deciso di sospendere le lezioni e tutte le attività nelle Università delle due regioni. Chiudono le scuole anche in Lombardia.

Nel frattempo si ferma anche il calcio nelle regioni colpite dal coronavirus: oggi non giocheranno le squadre che avrebbero dovuto disputare partite in Veneto, Piemonte e Lombardia: tre partite annullate sono di serie A. Sono state, infatti, rinviate le partite Inter Sampdoria, Atalanta Sassuolo, Verona Cagliari e Torino Parma.

Intanto, il governo ha emesso una nuova ordinanza con misure straordinarie: viene disposto il divieto di ingresso e uscita dalle aree in cui si è sviluppato il contatto e che sono state di fatto poste in quarantena. Divieto di allontanamento e di ingresso nelle aree ‘focolaio’ del virus, che saranno presidiate dalle forze di polizia e, in caso di necessità, anche dai militari, con sanzioni penali per chi viola le prescrizioni.

Stop alle gite scolastiche in Italia e all’estero, sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche in Lombardia e Veneto e quarantena con “sorveglianza attiva” per tutti coloro che sono stati in contatto con casi confermati del virus. E ancora, chiusura di scuole, negozi e musei, stop a concorsi, attività lavorative private e degli uffici pubblici, fatti salvi i servizi essenziali, limitazione per la circolazione di merci e persone.

Il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, precisa che “il nostro compito è quello di contenere i contagi, ma siamo già allertati a una fase addirittura successiva a quella che abbiamo oggi. Il contagio non avviene solo incrociando una persona, bisogna avere contatto ravvicinato, facciamo attenzione“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.