Coronavirus, 18 sindaci siciliani scrivono a Musumeci: "Crisi della Pesca, servono interventi urgenti" :ilSicilia.it

la lettera

Coronavirus, 18 sindaci siciliani scrivono a Musumeci: “Crisi della Pesca, servono interventi urgenti”

di
21 Aprile 2020
Su iniziativa dell’Avv. Giuseppe Caltanissetta, assessore alla Pesca del Comune di Isola delle Femmine, 18 Sindaci siciliani chiedono al Presidente della Regione la convocazione di un tavolo tecnico – alla presenza di Capitaneria di Porto e Associazioni di Categoria – per discutere dei problemi della pesca costiera e cercare soluzioni normative e tecniche per fronteggiare la crisi del settore, gravemente acuita dall’emergenza coronavirus.
I primi cittadini delle Marinerie dell’Isola – sotto l’egida dell’Anci – invocano risposte immediate alla drammatica situazione di uno dei comparti simbolo della Sicilia, anche in temporanea deroga alla stringente disciplina comunitaria, per sostenere l’aumento dei costi di gestione dell’attività e la pesante riduzione della domanda, causata dallo stop a turismo e ristorazione.
Ecco la missiva dei sindaci di: Balestrate, Capo d’Orlando, Castellammare del Golfo, Cefalù, Cinisi, Falcone, Gioiosa Marea, Isola delle Femmine, Oliveri, Patti, Santa Flavia, Sciacca, Termini Imerese, Terrasini, Trappeto, Villafranca Tirrena, Sant’Agata di Militello.

LA LETTERA

Carissimo Presidente Musumeci,

18 marinerie sicilianea nome delle nostre Comunità – e, in particolare, delle relative Marinerie – Le rivolgiamo un accorato appello, perché attivi ogni canale istituzionale e politico, onde rappresentare la gravità della situazione in cui attualmente versa la pesca costiera, e sollecitare l’adozione dei provvedimenti del caso.

La contingente emergenza epidemiologica, che comporta – quale doloroso corollario – una profonda crisi socio-economica, colpisce duramente anche il settore ittico, da tempo vessato da una normativa comunitaria insensibile alle peculiari prerogative mediterranee; incapace di coglierne le specificità biologiche, tecniche e di sistema; inadeguata a fronteggiare la disarmonica (per usare un eufemismo…) concorrenza internazionale (delle flotte nordafricane ed orientali, su tutte).

La riduzione delle battute, per un verso, e la prolungata sospensione delle attività turistiche, alberghiere e della ristorazione, per altro, hanno pesantemente ridotto gli spazi di mercato, mortificando i già modesti proventi dell’attività peschereccia.

porto di catania, pescatori, covid19

Alla contrazione dei ricavi, si è aggiunto un inaccettabile incremento dei costi per l’approvvigionamento di esche ed il reperimento e la manutenzione della strumentazione di supporto e sicurezza, sì da rendere insostenibile la prosecuzione dell’attività, che pure offre un innegabile contributo al soddisfacimento del fabbisogno alimentare regionale e nazionale (come riconoscerà il Mipaaf, cui la missiva doverosamente si trasmette); costituendo elemento storicamente determinante per la promozione dell’immagine della Sicilia nel mondo.

In ragione dell’urgenza di interventi di sostegno, La invitiamo alla pronta convocazione di un tavolo tecnico presso l’Assessorato Regionale competente – alla presenza delle Autorità di riferimento, in primis i vertici locali della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera (cui la nota si indirizza per evidenti questioni di opportunità) e delle organizzazioni di categoria – che divenga sede di confronto e coordinamento in merito alle misure da adottare, anche in temporanea deroga ai disposti (allo stato sostanzialmente draconiani, soprattutto per la c.d. piccola pesca costiera, a connotazione artigianale) al momento vigenti.

Confidando in un positivo accoglimento di quanto invocato – ribadendo piena disponibilità per ogni incombente che dovesse rimettersi alle Amministrazioni Comunali, nel quadro della più leale collaborazione – in attesa di riscontro, salutiamo cordialmente.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.